Menu
Cerca

Giannantonio Zambon presenta il suo libro ad Arcole

Appuntamento questa sera, venerdì 3 maggio, alle 20.45, all'auditorium scuole media in via Friuli 9 ad Arcole.

Giannantonio Zambon presenta il suo libro ad Arcole
Cultura Est Veronese, 03 Maggio 2019 ore 15:28

Giannantonio Zambon presenta il suo libro ad Arcole. Appuntamento questa sera, venerdì 3 maggio, alle 20.45, all’auditorium scuole media in via Friuli 9 ad Arcole.

Giannantonio Zambon presenta il suo libro ad Arcole

Venerdì 3 maggio, alle 20.45, all’auditorium scuole media in via Friuli 9 ad Arcole, si parlerà della figura dell’imperatore Basilio II raccontata dalla penna di Giannantonio Zambon nel suo primo libro «Basilio II Bulgaroctono». Il libro racconta dell’imperatore bizantino Basilio II definito «bulgaroctono» ossia «Massacratore dei Bulgari» perché passò gran parte della sua esistenza sul campo di battaglia a cavallo dell’anno Mille. Estraneo ai rituali di corte, Basilio II fu spietato con i suoi nemici meditando continue vendette per difendere i suoi confini. Il suo regno durò mezzo secolo e rappresentò uno dei momenti storici più importanti dal punto di vista socio-economico, politico e religioso. Un imperatore che non solo segnò la sua epoca ma influenzò anche i secoli successivi al suo regno.

Lo scrittore

Nato a San Bonifacio 42 anni fa, Giannantonio Zambon vive con la moglie e i due figli a San Gregorio di Veronella. Nella vita di tutti i giorni fa l’impiegato per una grande azienda del territorio ma non appena arriva a casa rispolvera le sue doti umanistiche e la grande passione per le vicende storiche. «Da giovane ho fatto studi tecnici» racconta «ma sono sempre stato attratto dalle materie umanistiche che ho approfondito da autodidatta nel mio tempo libero». Smessi i panni dell’impiegato, dentro di lui arde la passione per la storia antica e medioevale ma anche il culto della filologia romana e slava. «Mentre del periodo bizantino in Occidente si hanno più nozioni – dice – poco si sa delle vicende che riguardano il territorio greco e dei Balcani». Per la stesura del libro un ringraziamento speciale va alla sua famiglia, in particolare alla moglie, che gli ha permesso di ricavarsi del tempo da dedicare alla scrittura ma prima ancora alla lunga fase di ricerca. «Una parte importante del mio lavoro è proprio questa, – spiega – fare molta ricerca e studiare chi prima di me ha parlato di questo argomento».

Lavoro certosino

Dai libri di storia medioevale consultati è emersa la grandiosità di questo personaggio storico e la voglia di saperne di più, tant’è che gli ha permesso di poter creare questo libro storico che mette in risalto un personaggio conosciuto ai pochi. Giannantonio Zambon, infatti, si può definire un «sarto che prende varie toppe per cucirle insieme e realizzare un bell’abito». Un lavoro che si può di certo definire come certosino, fatto di recupero delle informazioni, selezione e unione delle stesse in un ordine logico-temporale per cercare di rendere la narrazione più accattivante possibile per non risultare noiosa e per riuscire a invogliare le persone a proseguire nella lettura. Il saggio storico si può già trovare negli store online e ben presto verrà anche presentato nelle librerie.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli