Cultura

Kult estate, il caso arriva in consiglio comunale

La rassegna estiva che da anni intratteneva i legnaghesi sembra essere solo un ricordo

Kult estate, il caso arriva in consiglio comunale
Cultura Legnago e bassa, 27 Giugno 2019 ore 17:59

Kult estate, il caso arriva in consiglio comunale.

L'ex assessore alla cultura Baraldi chiede chiarimenti

In apertura di seduta del consiglio comunale di ieri sera l'ex assessore alla Cultura Silvia Baraldi ha chiesto chiarimenti sul futuro della rassegna estiva Kult che da ormai 5 anni faceva compagnia alle estate dei legnaghesi. Nei programmi della nuova Amministrazione, infatti, questa ormai tradizionale manifestazione sembra non trovare posto.

Che cos'è Kult?

KULT. è stata la prima Rassegna di Cinematografia, Musica e Letteratura dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Legnago, che aveva l'obiettivo di rendere protagoniste le associazioni e le realtà che promuovono la cultura nel nostro territorio. La Rassegna di cinematografia, musica e letteratura è nata grazie alla forza sinergica e al coinvolgimento di sempre più numerose realtà associative operanti sul territorio legnaghese da parte dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Legnago, con l’obiettivo di valorizzare la cultura nelle sue più svariate forme e i suggestivi luoghi della città, come il Centro Ambientale Archeologico, il giardino del Museo Fioroni, la golena dell’Adige e il cortile di Cassa Padana. "In questo lungo periodo - ha evidenziato Baraldi - abbiamo messo insieme 18 associazioni per 35 serate che sono sempre andate sold out. Siamo preoccupati che questa bella storia si chiuda così. Speriamo possa essere organizzato qualcosa seppur in forma ridotta".

La risposta non è arrivata

Applicando il regolamento comunale il presidente del Consiglio Comunale Paolo Longhi ha evidenziato come, in apertura di consiglio comunale, i consiglieri possano intervenire solo" in merito alle parole del Presidente per fare dichiarazioni su fatti di particolare importanza  rilievo". In questo caso, dunque, non vi erano gli estremi per la minoranza di intervenire sull'argomento. Ma i consiglieri d'opposizione non mollano. "Nelle prossime settimane - evidenzia Masin - torneremo a chiedere spiegazioni sul futuro di Kult. Siamo pronti a combattere per la cultura della nostra città".

 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter