Verona

L’Arena celebra Battiato con una serata evento con i “suoi” artisti, tecnici e un cast unico

Sul palco, l’orchestra formata dalla Filarmonica dell’Opera Italiana Bruno Bartoletti diretta da Carlo Guaitoli e i musicisti che hanno accompagnato Battiato nell’ultima tournée.

L’Arena celebra Battiato con una serata evento con i “suoi” artisti, tecnici e un cast unico
Cultura Verona Città, 15 Settembre 2021 ore 17:07

Tutto parlerà di lui. Dalle canzoni mistiche ai grandi successi commerciali, fino ai volti di artisti, musicisti e tecnici che, martedì 21 settembre 2021, saliranno sul palcoscenico dell’Arena di Verona per ‘Invito al viaggio’, concerto per Franco Battiato.

L’Arena celebra Battiato con una serata evento

Professionisti che, nel corso della loro carriera, hanno collaborato e lavorato insieme al Maestro scomparso lo scorso 18 maggio. E che si esibiranno per ricordarlo. Gli organizzatori assicurano “sarà la cosa più vicina ad un suo spettacolo senza di lui”.

Sul palco, l’orchestra formata dalla Filarmonica dell’Opera Italiana Bruno Bartoletti diretta da Carlo Guaitoli e i musicisti che hanno accompagnato Battiato nell’ultima tournée: Angelo Privitera alle tastiere e programmazione, Osvaldo Di Dio e Antonello D’Urso alle chitarre, Andrea Torresani al basso, Giordano Colombo alla batteria. Ricchissimo il parterre di artisti presenti, da Vinicio Capossela a Gianni Morandi, Enzo Avitabile, Carmen Consoli, Diodato, Morgan, Gianna Nannini, Subsonica e tantissimi altri.

Evento imperdibile

Oggi mercoledì 15 settembre 2021, in diretta streaming, il sindaco Federico Sboarina, l’amministratore delegato di Arena di Verona srl Gianmarco Mazzi, la cantante Alice e Francesco Cattini di Imarts hanno presentato quello che sarà un evento imperdibile. In collegamento anche Carlo Guaitoli, direttore d’orchestra e pianoforte, Pino “Pinaxa” Pischetola, fonico FOH, Stefano Senardi, discografico.

“Ci sono degli artisti che sono immortali, perché continuano a vivere attraverso la loro arte e musica, Battiato è senz’altro uno di questi – ha detto Sboarina -. Siamo orgogliosi che, a pochi mesi dalla sua morte, cantanti, musicisti e tecnici che hanno lavorato con lui salgano sul palcoscenico dell’Arena per ricordarlo. Il nostro anfiteatro sta diventando sempre più eclettico. Riconosciuto a livello internazionale per la sua unicità, ha ospitato per tutta l’estate concerti live, lirica ed eventi con migliaia di persone. È stato l’unico teatro in Italia per il quale è stata fatta una deroga alla capienza di mille spettatori prevista dalle misure governative. Tutti questi risultati sono il frutto di un grande lavoro di squadra, del quale siamo orgogliosi”.

“Stavamo progettando un evento per i 40 anni dell’album ‘La voce del padrone’ di Battiato, pubblicato nel settembre del 1981, quando poi siamo stati colti dalla notizia della scomparsa del Maestro – ha spiegato Mazzi -. Abbiamo pensato così di creare un evento unico, che sancisse come fece quell’album, la grandezza di Battiato che aveva la straordinaria capacità di farsi comprendere da tutti nonostante la sua genialità, la ricercatezza compositiva. Non sarà un ricordo perché lui è ancora con noi, ma una occasione bellissima, un vero e proprio viaggio”.

“Con Franco Battiato ho condiviso non solo una lunga collaborazione professionale ma anche un’amicizia profonda – ha detto Alice -. Lui per me e la mia vita rappresenta qualcosa di estremamente importante. Non potevo non essere presente a questo evento così speciale”.

“Abbiamo costituito un gruppo di lavoro per creare una serata che potesse piacere a Battiato – ha concluso Cattini -. Pensare al titolo è stato difficile ma l’obiettivo era proporre un viaggio attraverso il repertorio del Maestro, lungo tutto il suo percorso artistico. Cantanti e musicisti che si esibiranno, infatti, rispetteranno i suoi arrangiamenti e le sue scelte”.