Cultura
Verona

Rigoletto, un cast d’eccezione debutta al Filarmonico nel capolavoro di Verdi

A dirigere l’Orchestra della Fondazione Arena e il Coro preparato dal maestro Ulisse Trabacchin è Francesco Ommassini.

Rigoletto, un cast d’eccezione debutta al Filarmonico nel capolavoro di Verdi
Cultura Verona Città, 25 Febbraio 2022 ore 10:08

Storia romantica e cupa dall’inedito spessore psicologico, di affetti feriti e stravolti, di amore, onore e vendetta, Rigoletto sconvolse letteralmente il suo tempo.
Secondo titolo della Stagione Lirica 2022 di Fondazione Arena, Rigoletto debutta domenica 27 febbraio alle 15.30: protagonista il poliedrico Luca Micheletti, con Eleonora Bellocci, Ivan Magrì, Anastasya Boldyreva e Gianluca Buratto nell’elegante produzione firmata da Arnaud Bernard.

Rigoletto, un cast d’eccezione debutta al Filarmonico

Col fido librettista Piave, Giuseppe Verdi fu costretto a mutare l’originale ambientazione di Le Rois s’amuse di Victor Hugo dal Regno di Francia al coevo Ducato di Mantova ma mantenendo inalterata la carica dirompente dei personaggi e delle loro relazioni: uno sprezzante uomo di potere, incallito seduttore; il suo buffone di corte; sua figlia, fanciulla innamorata, sedotta e abbandonata dal Duca; un assassino, una prostituta; cortigiani pettegoli, cinici e violenti; una maledizione ripetuta e ossessiva.

Ma Rigoletto è anche la summa del progresso artistico di Verdi, che uscì dall’intensa routine degli “anni di galera” e dalle forme convenzionali dell’opera per piegarle alle esigenze del dramma, con una rilevanza inusuale per i duetti ed un protagonista che è quasi sempre in scena pur senza cantare un’aria tradizionale: una figura inedita dalla metaforica deformità, complessa e titanica, che unisce il padre amorevole e attento all’uomo in grado di pagare l’assassinio del proprio signore e padrone.

Il mondo creato da Arnaud Bernard e Alessandro Camera è uno spazio ligneo e meta-teatrale che evoca lo sfarzo della Mantova dei Gonzaga e l’umanesimo rinascimentale con forti rimandi all’arte pittorica del ‘500, fra città ideali, biblioteche e moli sul Mincio che subiscono tempeste atmosferiche e insieme letterarie, sempre nel rispetto della drammaturgia verdiana.

Esordisce anche il richiesto basso Gianluca Buratto

In questo spazio si muovono i giovani artisti della produzione in scena al Teatro Filarmonico, molti dei quali al proprio esordio sul palcoscenico veronese, come il baritono Luca Micheletti, acclamato talento proveniente dalla prosa e spesso anche regista, già premio Ubu e Pirandello, da poco insignito del premio per il miglior spettacolo musicale in Giappone come protagonista di Macbeth diretto da Riccardo Muti. Precedentemente impegnata nell’autunno sinfonico 2019 e nell’apprezzata produzione di Dido and Aeneas, debutta in scena come Gilda, amatissima figlia di Rigoletto, il soprano Eleonora Bellocci. A sedurla è il tenore Ivan Magrì nei panni del Duca di Mantova, ruolo appena affrontato con i complessi artistici areniani nella tournée omanita. Esordisce anche il richiesto basso Gianluca Buratto come assassino Sparafucile, mentre la di lui sorella Maddalena, complice di malaffare, è l’affascinante mezzosoprano russo Anastasia Boldyreva. Completano il cast la custode Giovanna di Agostina Smimmero, il Conte di Monterone di Davide Giangregorio, i cortigiani Marullo e Borsa di Nicolò Ceriani e Filippo Adami, i Conti di Ceprano Alessandro Abis e Francesca Maionchi, l’usciere di corte di Nicolò Rigano e come paggio Cecilia Rizzetto.

A dirigere l’Orchestra della Fondazione Arena e il Coro preparato dal maestro Ulisse Trabacchin è Francesco Ommassini, recentemente applaudito nella nuova produzione veronese di Così fan tutte lo scorso autunno. Rigoletto, secondo dei sei appuntamenti della Stagione Lirica 2022, debutta domenica 27 febbraio (alle 15.30) e replica mercoledì 2 marzo (alle 19), venerdì 4 marzo (alle 20) e domenica 6 marzo (alle 15.30).

"Da Muscat a Verona, dopo il grande successo registrato in Oman, riportiamo il Rigoletto tra le mura scaligere, in un adattamento giovane e internazionale – afferma il sindaco Federico Sboarina, Presidente di Fondazione Arena –. La stagione invernale, iniziata con titoli di nicchia, meno noti e rappresentati, torna ora dirompente con una delle opere liriche più amate dal pubblico. Sul palcoscenico artisti e musicisti di Fondazione Arena sapranno sorprenderci come hanno fatto fuori confine, esportando la nostra eccellenza musicale. A neanche un mese dallo spettacolo messo in scena per i dieci anni della Royal Opera House di Muscat, il teatro d'opera del Sultanato dell'Oman, debutteranno al Filarmonico alcuni dei migliori artisti esordienti del panorama italiano. Un orgoglio essere, come sempre è stata Verona per la lirica, trampolino di lancio per tanti giovani talenti".

"Dopo un dittico sperimentale dedicato a titoli meno noti del Novecento, torna il grande repertorio italiano e romantico, amatissimo e universale – dichiara il Sovrintendente e Direttore Artistico della Fondazione Arena di Verona, Cecilia Gasdia – Rigoletto è un classico di inestimabile valore e immutata potenza, ricco di melodia e di passioni, sempre avvincente e commovente. Le nostre compagini hanno affrontato la grandezza di questo Verdi in Oman solo poche settimane fa nella coproduzione con la Royal Opera House di Muscat e ora riportano tutte quelle emozioni a Verona, in una produzione valorizzata da un allestimento affascinante, classico ma originale, e soprattutto da alcuni fra i giovani artisti più affermati e interessanti di oggi, che finalmente approdano sul palcoscenico del nostro Teatro".

"Affrontando Rigoletto è impossibile non confrontarsi con le esecuzioni di grandissimi musicisti che hanno “ripulito” la partitura da una serie di tradizioni esecutive, proponendo la massima fedeltà al testo scritto ed escludendo qualsiasi intervento dell’interprete – aggiunge il Maestro Francesco Ommassini – Rigoletto però, pur con le sue grandi novità strutturali, nasce in un contesto musicale e formale che giustifica, anzi talvolta richiede, alcune di quelle modifiche. Naturalmente ci sono eccezioni: in questa produzione si potranno ascoltare acuti e puntature della prassi esecutiva dell’Opera del primo Ottocento solo quando non cozzano con esplicite indicazioni musicali e teatrali dell’autore".

Seguici sui nostri canali