Verona, “Il Fascino dei vetri romani” rivive al museo Archeologico

Vasi, anfore e piccoli contenitori di epoca romana, sono i protagonisti della mostra

Verona, “Il Fascino dei vetri romani” rivive al museo Archeologico
Verona Città, 10 Gennaio 2020 ore 17:39

 “Il Fascino dei vetri romani” rivive al museo Archeologico

Vasi, anfore e piccoli contenitori di epoca romana, sono i protagonisti della mostra ‘Il Fascino dei vetri romani’ allestita al Museo Archeologico al Teatro Romano di Verona, fino a settembre 2020, con gli oggetti presenti nei depositi del museo. L’esposizione, realizzata in concomitanza con la mostra “Carlo Scarpa. Vetri e disegni 1925-1931”, in corso al Museo di Castelvecchio, è un’occasione per vedere dal vivo i parallelismi che intercorrono fra le opere dell’architetto veneziano e gli antichi vasi, per molti aspetti i modelli ispiratori di molte creazioni vetrarie del Novecento.

La mostra è a cura di Margherita Bolla ed è promossa dal Comune di Verona. «Il fascino dei vetri romani – spiega la direttrice Musei Civici di Verona, Francesca Rossi – è il ventesimo appuntamento di una serie di esposizioni temporanee realizzate, a partire dal 1998, con i materiali appartenenti alle collezioni restaurate del Museo. L’esposizione presenta le molteplici funzioni dei piccoli e grandi contenitori in vetro, utilizzati dai romani come recipienti per balsami e profumi, vasi per alimenti liquidi e solidi, ma anche contenitori per le ossa cremate dei defunti e oggetti di ornamento. Una sezione è poi dedicata agli oggetti scoperti in una necropoli romana scavata a Raldon, nel Comune di San Giovanni Lupatoto, nel Settecento, e un’altra ai vetri di pregio prodotti e usati a Roma in ambito cristiano».

L’esposizione è visitabile con il biglietto d’ingresso al museo. Per tutto il periodo di esposizione saranno organizzate visite guidate gratuite (ingresso al museo a pagamento). Fino a maggio, prima domenica del mese tariffa unica a 1 euro.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità