Verona

Cimice asiatica: in arrivo i primi indennizzi per frutticoltori veronesi

I costi sostenuti dagli imprenditori per proteggere le colture non sono irrilevanti e le azioni degli imprenditori meritano attenzione.

Cimice asiatica: in arrivo i primi indennizzi per frutticoltori veronesi
Economia Verona Città, 12 Febbraio 2021 ore 11:10

In arrivo 20,6 milioni di euro dei 32,4 del Fondo di solidarietà stanziati per il Veneto per il ristoro ai frutticoltori che hanno subito danni da cimice asiatica nel 2019.

Un danno che sfiora i 70 milioni di euro

Il settore coinvolge oltre 19mila ettari interessati dalle colture oggetto di attacchi da parte dell’insetto killer con prevalenza di melo, kiwi, pero e pesche, 975 aziende colpite in totale e concentrate soprattutto nella provincia di Verona. Seguono Treviso, Padova e Rovigo. A fronte di un danno che sfiora i 70 milioni di euro di danni denunciati dagli agricoltori veneti, il Mipaaf ha disposto un indennizzo che coprirà il 47% delle perdite totali.

Dopo il primo versamento previsto entro la fine di questo mese, seguirà il secondo acconto e il saldo finale da assegnare a febbraio 2022: un lasso di tempo lungo rispetto all’anno orribile del 2019 a cui fa riferimento la contabilità ministeriale.

Salvare le produzioni

Vanno ricordati, comunque, anche i 5 milioni di euro messi a disposizione dalla Regione del Veneto la cui erogazione è stata già corrisposta. Daniele Salvagno presidente di Coldiretti Verona ha spiegato:

“In questo periodo gli imprenditori agricoli hanno messo in campo tutte le strategie possibili per salvare le produzioni: dalle reti antinsetto al controllo biologico con l’introduzione della Vespa samurai. Dal punto di vista tecnico Coldiretti Verona ha sviluppato nel 2019 e proseguito anche nel 2020 un progetto di monitoraggio della cimice asiatica con un centinaio di postazioni per le rilevazioni territoriali sull’infestazione stagionale nelle zone vocate a pesco-kiwi e melo”.

Salvagno ha aggiunto:

I costi sostenuti dagli imprenditori per proteggere le colture non sono irrilevanti e le azioni degli imprenditori meritano attenzione e un riconoscimento economico all’altezza di quanto fatto per arginare la calamità. Il rischio di mettere in ginocchio definitivamente il comparto che soffre già della crisi di mercato è sempre attuale”.

A questo proposito, serve un impegno ancora maggiore, da parte della Regione, nel monitoraggio e nella assistenza tecnica, al fine di supportare gli agricoltori che devono fare i conti, sempre con maggiore frequenza, a varie calamità biotiche.  Salvagno ha concluso:

I soldi spesi in prevenzione, infatti, sono di gran lunga inferiori a quelli necessari per i parziali ristori. Va cambiato radicalmente l’approccio per dar modo ai produttori di poter operare limitando al minimo il rischio connesso alle emergenze fitopatologiche”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli