In tutta la Provincia

Coldiretti Verona: “Tutti aperti i mercati a km zero, boom di acquisti dei prodotti tipici della Dieta mediterranea”

Si è registrato un aumento medio dell’11% dei consumi nel 2020 dei suoi prodotti simbolo come olio extravergine d’oliva, frutta e verdura.

Coldiretti Verona: “Tutti aperti i mercati a km zero, boom di acquisti dei prodotti tipici della Dieta mediterranea”
Verona Città, 20 Novembre 2020 ore 16:23

Aperti anche nel fine settimana tutti i mercati a km zero di Verona e provincia di Campagna Amica di Coldiretti.

Aperti in sicurezza

L’accesso e la permanenza all’interno dei mercati degli agricoltori di Coldiretti Verona dalle 8 alle 13 sono controllati da apposito personale, nel rispetto delle norme di sicurezza. Per conoscere il mercato più comodo, è possibile consultare l’elenco sul sito. Franca Castellani, presidente del Consorzio Veronatura che gestisce i mercati di Campagna Amica di Verona ha spiegato:

“In questo momento di incertezza molti cittadini ci hanno chiesto se i mercati a km zero sono aperti. Al momento, i mercati sono tutti attivi con numerose specialità tipiche di questo periodo. Con la pandemia c’è stata anche una riscoperta della dieta mediterranea con un aumento medio dell’11% dei consumi nel 2020 dei suoi prodotti simbolo come olio extravergine d’oliva, frutta e verdura”.

Si osserva, infatti, una tendenza delle persone a compensare il maggiore tempo trascorso in casa con un’alimentazione più sana, come emerge da un’analisi Coldiretti su dati Ismea diffusa in occasione del decennale dell’iscrizione della dieta mediterranea nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità da parte dell’Unesco, avvenuta il 16 novembre 2010.

In vetta pasta e riso

Non è un caso, sottolinea la Coldiretti Verona, che 6 veronesi su 10 dopo il primo lockdown hanno dichiarato di privilegiare abitualmente un regime nutrizionale ispirato alla dieta mediterranea perché più salutare, con cibi freschi, molta frutta e verdura, legumi e proteine. A guidare la classifica della spesa mediterranea sono la pasta e il riso con un incremento degli acquisti del 12,5%. Al secondo posto la verdura con una crescita del 12,2%, seguita dalla frutta con un +11,1% e dall’olio extravergine d’oliva dove i consumi sono aumentati del 9,5% nei primi sei mesi dell’anno. Castellani ha affermato:

“Si tratta di un trend che rivela come il maggior tempo trascorso in cucina per effetto delle misure restrittive, dai lockdown allo smart working, sia stato anche orientato alla preparazione di piatti con ingredienti salutistici accompagnato dal ritorno di antichi riti, come quello delle conserve fai da te”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità