Economia
Vallese

In 100 in cassa integrazione alla Valsider: dall'Ucraina non arrivano i semilavorati

Da Mariupol non arrivano più le materie prime necessarie per proseguire con le normali attività all’interno delle acciaierie.

In 100 in cassa integrazione alla Valsider: dall'Ucraina non arrivano i semilavorati
Economia Legnago e bassa, 21 Aprile 2022 ore 09:29

Mancano i semilavorati che arrivano da Mariupol e l’acciaieria Valsider è costretta a mettere 100 dipendenti in cassa integrazione.

In 100 in cassa integrazione alla Valsider

La guerra in Ucraina sta mettendo sempre di più a dura prova l’economia. Da Mariupol non arrivano più le materie prime necessarie per proseguire con le normali attività all’interno delle acciaierie. A Vallese di Oppeano, l’acciaieria Valsider si è vista così costretta a mettere 100 dipendenti in cassa integrazione per un mese.

Nonostante le misure di controllo sui prezzi del gas che sono state varate dal Governo e che hanno permesso di superare periodo difficile per le acciaierie, ora un altro “fermo” arriva proprio dalla mancanza dei semilavorati che provenivano da Mariupol.

Alla Valsider la produzione si ferma e la direzione sta cercando su altri mercati i semilavorati necessari per riprendere a pieno regime le fasi di lavorazione. Servono però, da parte del Governo, delle politiche industriali che diano delle garanzie al settore perché ora, oltre al problema sui costi energetici, si è aggiunto anche quello sull’approvvigionamento dei minerali e dei semilavorati.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter