Supporto

Riduzione Tari 2021 Verona, per le utenze non domestiche sconti fino al 75%

Uno sgravio applicato direttamente alle utenze non domestica della tassa rifiuti.

Riduzione Tari 2021 Verona, per le utenze non domestiche sconti fino al 75%
Economia Verona Città, 23 Giugno 2021 ore 10:15

Agevolazioni Tari per l’anno 2021, con una riduzione fino al 75% del valore, per le attività economiche penalizzate dall’interruzione lavorativa causa Covid.

Riduzione Tari 2021 Verona

E’ quanto è stato deciso dalla Giunta di Verona, con l’approvazione della delibera delle tariffe Tari 2021, contenente alcune specifiche riduzioni da applicare alle utenze non domestiche di tutte le attività che, nel corso del 2021, non hanno potuto svolgere regolarmente la propria attività, causa le disposizioni governative legate alla pandemia. L’operazione ha un costo complessivo di 5.777.000 euro.

Uno sgravio applicato direttamente alle utenze non domestica della tassa rifiuti, con il riconoscimento di un 75% di sconto della quota fissa e variabile a tutte le attività che sono rimaste completamente chiuse (impianti sportivi, alberghi, ristoranti, trattorie, bar, agenzie viaggi, cinema e teatri, campeggi, musei, biblioteche, scuole, luoghi di culto), causa disposizioni anti Covid.

Le agevolazioni

Riduzione del 48% della quota variabile è invece riconosciuta a tutte le attività che, nei primi mesi del 2021, in modo saltuario, sono state costrette ad una sospensione temporanea del lavoro (negozi di abbigliamento, calzature, librerie, parrucchiere, estetiste, falegnami, idraulici, elettricisti). Lo sgravio è applicato sui soli costi Tari e non sulla quota fissa.

Le novità sulle agevolazioni Tari introdotte per l’anno 2021 sono state illustrate questa mattina dal sindaco Federico Sboarina e dall’assessore ai Tributi Francesca Toffali. Il primo cittadino ha spiegato:

“Continua il programma degli interventi emergenziali mirati per un sostegno diretto alle attività economiche. Abbiamo sempre detto che la maniera concreta per dare aiuto a chi è stato colpito dalla crisi non era il meccanismo a pioggia, quanto piuttosto interventi significativi che dessero effettivo sollievo, ci sono state infatti attività economiche che non hanno mai smesso di lavorare. Infatti, a causa del fermo lavorativo collegato ai divieti della pandemia, non hanno potuto operare regolarmente nel corso dei primi mesi del 2021. Una scontistica diretta, del 75 o del 48% del valore, da applicare sui costi Tari 2021 delle utenze non domestiche. Una bar di 100 mq., ad esempio, che dovrebbe pagare una Tari pari a 1.123 euro, grazie ad una riduzione del 75% ne pagherà 280,75. Azioni concrete rese possibili dall’utilizzo dell’avanzo di amministrazione, destinato a sostenere, con questo provvedimento, le attività economiche più colpite, che a causa delle disposizioni del Governo, non hanno potuto lavorare per un lungo periodo di tempo, con gravi ripercussioni sui fatturati”.

L'assessore Toffali ha concluso:

“Le risorse sono state destinate in maniera oculata, attraverso scelte volte a portare aiuto a chi è nell’effettivo bisogno. L’operazione di defiscalizzazione applicata dal Comune ha valore complessivo di 5.777.000 euro. Tutte risorse che andranno a coprire i mancati introiti collegati ai periodi di chiusura degli esercizi, sarà un aiuto diretto a tante attività economiche veronesi. Si tratta di ristoranti, bar, alberghi, ma anche parrucchieri, estetiste. Attività che, in modo prolungato o saltuario, non hanno potuto lavorare regolarmente nel corso dei primi mesi del 2021 e che, per questo, avranno riconosciuto una riduzione della Tari del 75 o del 48%”.