Verona

Assembramenti nel week end, Sboarina: “L’epidemia non è finita, attenzione al ponte dell’Immacolata”

Le immagini viste a Verona come in altre città sono preoccupanti.

Assembramenti nel week end, Sboarina: “L’epidemia non è finita, attenzione al ponte dell’Immacolata”
Politica Verona Città, 30 Novembre 2020 ore 18:44

Troppe persone tra le vie del centro nel fine settimana del ‘black friday’.

Attenzione al week end

Tutte concentrate in poche ore, tanto che sabato pomeriggio è scattato il senso unico pedonale in via Mazzini. Per questo il sindaco Federico Sboarina ha lanciato un appello, guardando già al prossimo fine settimana:

Ci aspetta il ponte dell’Immacolata, non pensiamo di essere già fuori dalla pandemia o che il Covid riguardi solo le persone in ospedale. Andiamo a comprare nei negozi ma, compatibilmente con gli impegni, ritagliamoci momenti diversi della settimana per farlo”.

Ospedali in sofferenza

Il primo cittadino ha ribadito:

“I nostri ospedali e le terapie intensive continuano a lavorare a ritmo serrato, se ci sono stati dei piccoli progressi sono il frutto dei corretti comportamenti delle ultime settimane, nel rispetto delle norme anticontagio. Le immagini viste a Verona come in altre città sono preoccupanti. Non possiamo mollare adesso, altrimenti rischiamo di protrarre questa situazione ancora per troppo tempo. Ne va della salute di ognuno di noi, ma anche della sopravvivenza delle nostre attività economiche. Se i contagi rientrano significa che tutto il resto può riprendere“.

Proseguono i controlli

Sboarina ha ribadito:

“E se l’attività dei commercianti viene spalmata su tutta la settimana, in orari e giorni diversificati, e non in poche ore con le code fuori dai negozi, migliorano gli affari, il lavoro e si tutela la sicurezza sia dei commessi che dei clienti. Ecco perché ho avviato un confronto con le categorie economiche per aiutarli a incentivare la loro attività, evitando però assembramenti. Proseguiranno i controlli, ma la migliore medicina è il buon senso di ognuno nel rispettare le limitazioni e a fare la propria parte. Siamo in una linea orizzontale della curva, ma l’epidemia non è finita. Serve responsabilità per vivere questa nuova normalità che continua a cambiare di settimana in settimana. Non dobbiamo pensare che tutto sia finito, se le cose oggi ci sembrano migliori è perché gli ospedali sono più attrezzati e pronti rispetto alla passata primavera, ma per contagi siamo ai livelli di marzo e aprile”.

LEGGI ANCHE:

Covid, Zaia: “Curva appiattita, Rt tra i più alti a livello nazionale” | + 2003 positivi | Dati 30 novembre 2020

TI POTREBBE INTERESSARE:

Qualità della vita 2020 in Italia: Verona approda nella top ten!

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità