Verona

Variante 29, alla Croce Bianca verranno riqualificati 200mila metri quadrati

Il valore aggiunto di tutte le proposte arrivate è che vanno oltre l’interesse dei privati, proponendo progetti che non puntano alla speculazione fine a se stessa ma all’interesse collettivo.

Variante 29, alla Croce Bianca verranno riqualificati 200mila metri quadrati
Politica Verona Città, 21 Gennaio 2021 ore 11:10

Non c’è zona della città che sarà esclusa dalla rigenerazione urbana prevista con la Variante 29. Solo per il quartiere della Croce Bianca ci sono 200mila metri quadrati di aree da riqualificare e riconvertire, spazi per lo più abbandonati ormai da tempo che versano in stato di degrado.

Rigenerare spazi urbani

Ben 15 le manifestazioni di interesse arrivate per edifici dismessi o aree degradate che si trovano in questa parte della Terza Circoscrizione, molte delle quali riguardano la realizzazione di nuovi servizi.

In tutte le istanze è rispettato il principio cardine della Variante 29, ovvero rigenerare spazi urbani senza consumo di nuovo suolo. Con un mix di funzioni che contribuiranno a migliorare significativamente gli standard qualitativi del tessuto urbano, aggiungendo aree verdi ora assenti, collegamenti stradali laddove servono ma anche insediamenti abitativi, in risposta ad una città in continua crescita e con nuove esigenze di espansione.

Le potenzialità

La seconda tappa del tour alla scoperta delle aree dismesse private che verranno rigenerate attraverso la Variante 29 è stata appunto la Croce Bianca. Quattro i siti visitati per valutare le reali potenzialità di ciascuna area e delle opportunità che la rigenerazione offre per il territorio con servizi aperti a tutti i cittadini. Ma anche per capire se il mix di funzioni richieste dai proponenti sono adeguati allo sviluppo armonico dei quartieri.

L’autobus Atv usato per il tour si è fermato all’ex campeggio in via Bresciana, all’ex Centrale del Latte sempre in via Bresciana, alle future ‘case nel bosco’ in via Gardesane e all’ex Couver in via Fava.

A visitare le aree, in cui erano presenti i rispettivi proprietari, è andato il sindaco Federico Sboarina insieme agli assessori alla Pianificazione urbanistica Ilaria Segala e alla Viabilità Luca Zanotto. Molti anche i consiglieri comunali che hanno partecipato ai sopralluoghi: Laura Bocchi, Paola Bressan, Marco Zandomeneghi, Matteo De Marzi, Leonardo Ferrari e Roberto Simeoni. Presente anche il presidente della terza Circoscrizione Claudio Volpato con i consiglieri Luisa Favari e Dario Pomari.

I siti e le relative proposte

L’ex campeggio in via Bresciana 52 è un’area di circa 38mila metri quadrati in stato di abbandono da circa 10 anni. Dell’attività svolta in passato resta gran poco, e quel che rimane, oltre ad essere in avanzato stato di degrado, è immerso nella vegetazione più incolta. Ma sarà proprio il verde il valore aggiunto dell’idea progettuale presentata dalla proprietà, che ha chiesto il permesso di costruire una Residenza sanitaria assistenziale immersa nel bosco, per un servizio alla collettività oggi assente in questa parte della città. La struttura andrebbe ad occupare una superficie di 4.500 metri quadrati, il resto rimarrebbe a parco boscato.

Per l’ex Centrale del Latte in via Bresciana 74, la Variante 29 rappresenta una straordinaria opportunità per lasciarsi alle spalle un degrado non solo edilizio ma legato anche ai numerosi episodi che negli ultimi anni l’hanno vista teatro di occupazioni abusive, spaccio e microcriminalità. Negli anni di massima produttività, la Cooperativa Centrale del Latte gestiva non solo la raccolta e lo smistamento del siero prodotto da diverse aziende agricole, ma anche il caseificio e un allevamento di maiali. L’attività, a seguito anche di un fallimento e di un nuovo assetto della Cooperativa che unisce una sessantina di famiglie, è stata dismessa e trasferita, lasciando in via Gardesane solo alcuni uffici di segreteria. L’obiettivo è ridare vita a quest’area con una funzione logistica, idonea anche per la posizione e la vicinanza con la tangenziale e l’autostrada. L’area si espande su una superficie di 10 mila metri quadrati.

Le ‘case nel bosco’ al momento, lo sono solo sulla carta. In via Gardesane 74, infatti, non c’è traccia di residenziale, visto che l’unico edificio presente è occupato da un’attività produttiva in via di dismissione. Tuttavia, il progetto presentato, propone di riconvertire tale superficie per la costruzione di abitazioni ad un solo piano, improntate su un’edilizia di tipo sostenibile e rispettosa dell’ambiente. Una proposta che risponde anche alle nuove esigenze abitative della città, in crescita demografica, secondo nuovi canoni e modelli che risentono anche degli effetti della pandemia. Sono previste nuove abitazioni per 1.800 metri quadrati di superficie.

Su via Lorenzo Fava, all’ex Couver ora di proprietà del Cems, potrebbe sorgere una nuova accademia dedicata alle attività sportive, vocazione storica dell’area dismessa dopo il terribile incendio del 2017. Così come un ampliamento per l’attiguo Centro medico specialistico, con nuove sale funzionali e nuovi parcheggi. Si parla di circa 32 mila metri quadrati di area, in parte da bonificare a causa dell’incendio. Interessante la progettualità legata alla viabilità, che prevede la riqualificazione delle strade attigue con alcune rotatorie e la realizzazione di una pista ciclabile che attraversi i quartieri di San Massimo e Borgo Milano.

Servizi migliori

Durante il sopralluogo, il primo cittadino ha affermato:

“Oggi siamo alla Croce Bianca, nei giorni scorsi eravamo in Borgo Venezia, questo per rappresentare a tutti come ci sia una città intera, in ogni sua parte, da est e ovest e da nord a sud, che rinasce grazie alla Variante 29 e attraverso le proposte dei privati. Il dato significativo è che in molti casi si tratta di interventi urbani che andranno a beneficio della comunità, per un territorio che non solo viene riqualificato ma con una qualità di servizi ancora migliore. Il valore aggiunto di tutte le proposte arrivate è che vanno oltre l’interesse dei privati, proponendo progetti che non puntano alla speculazione fine a se stessa ma all’interesse collettivo. E’ il caso dell’ex Campeggio, dove sorgerà una residenza per anziani ma anche dell’ex Couver, che tornerà alla sua vocazione sportiva, come delle nuove abitazioni immerse nel verde a pochi minuti dal centro. Verona è in continua crescita ed espansione, questi progetti lo dimostrano”.

L’assessore Segala ha rimarcato:

“Per la zona della Croce Bianca sono arrivate ben 15 proposte, un numero elevato che conferma che c’è grande interesse e partecipazione verso la nostra visione di sviluppo urbanistico. Un chiaro segnale che è proprio nelle aree dismesse il futuro della città, coerentemente con l’obiettivo di non consumare più nuovo suolo. L’intenzione è quella di procedere spediti con l’iter amministrativo, arrivando già a maggio all’esame della variante in giunta. Ciò vorrebbe dire approvarla entro fine anno e concedere i primi permessi a costruire nei mesi successivi”.

Sul fronte viabilistico è intervenuto l’assessore Zanotto:

“Come abbiamo visto oggi, con la Variante29 sono previste importanti riqualificazioni in molte zone della città ma anche occasioni per migliorare la viabilità in determinate zone piuttosto che in altre. Le manifestazioni che abbiamo visto meritano infatti un’attenzione anche dal punto di vista viabilistico. E’ il caso dell’ex Couver, che offre la possibilità di creare percorsi ciclabili ma anche di potenziare le vie di accesso al centro, intervenendo su strutture come marciapiedi e piste ciclopedonali in direzione di Corso Milano e verso il Chievo. Per l’ex Centrale del Latte, invece, ci sarà bisogno di sistemare gli innesti verso sinistra, che oltre ad essere più efficienti dovranno essere anche sicuri”.

7 foto Sfoglia la gallery
Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli