Le ordinanze

Ztl con orario allargato e sosta h24, le misure per agevolare bar e ristoranti

Restano vietate le raccolte fondi e firme a nome di associazioni in maniera itinerante.

Ztl con orario allargato e sosta h24, le misure per agevolare bar e ristoranti
Politica Verona Città, 08 Gennaio 2021 ore 13:46

Il sindaco ha firmato la proroga di alcune ordinanze volte ad agevolare i cittadini nel particolare contesto storico legato all’emergenza sanitaria.

Le ordinanze

Prorogata fino al 10 gennaio 2021 l’ordinanza del sindaco che allarga l’orario di accesso alla Ztl. Questo per consentire ai cittadini di poter effettuare l’asporto dai bar e ristoranti del centro, in particolare nei giorni di sabato 9 e domenica 10 in cui l’Italia tornerà in zona arancione con i locali aperti solo per il takeaway fino alle 22.

Piazzetta Pescheria

Prorogata fino al 10 gennaio anche l’ordinanza che, in via temporanea, permette il transito in via Pescheria Vecchia e il parcheggio in piazzetta Pescheria durante tutta la giornata, solo per chi ha il permesso di tipo “a”, “b” ed ”e”. Ciò per incrementare la possibilità di sosta dei residenti del centro storico che, a fronte dell’apertura della Ztl, possono trovare più difficoltà a parcheggiare vicino a casa.

In piazzetta Pescheria, quindi, i residenti potranno lasciare l’auto non più solamente dalle 19 alle 9 di mattina, ma 24 ore su 24. Per tutto l’arco della giornata il dissuasore sarà abbassato. I controlli saranno costanti per garantire che solo chi ne ha diritto parcheggi sull’area. Chi non è residente se lascia l’auto in sosta rischia la multa.

Raccolta soldi e firme in forma itinerante

Infine, il sindaco ha prorogato il divieto di raccogliere soldi e firme a nome di associazioni e organizzazioni. Da sabato 9 gennaio fino a domenica 2 maggio 2021, su tutto il territorio comunale, sono vietate le attività di raccolta fondi e sottoscrizioni fatte in maniera itinerante. Ossia senza autorizzazioni per occupazione di suolo pubblico, fermando i passanti e interponendosi sulla loro strada.

Il provvedimento si è reso necessario proprio per evitare atteggiamenti inopportuni e molesti che, spesso, diventano vessatori nei confronti delle persone che passeggiano in città. Ma anche di quelle che si recano in stazione, negli ospedali, alle fermate dell’autobus o tra i banchi dei mercati, creando problemi alla sicurezza pubblica. La violazione dell’ordinanza sindacale prevede sanzioni amministrative fino a 500 euro, oltre alla confisca del denaro raccolto.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità