Menu
Cerca
Verona

Premiate le scuole superiori vincitrici del concorso “Muoversi”

Sono gli studenti green delle scuole superiori di Verona, che hanno scelto la mobilità sostenibile per i loro spostamenti aderendo al concorso.

Premiate le scuole superiori vincitrici del concorso “Muoversi”
Scuola Verona Città, 04 Giugno 2021 ore 09:39

In tre mesi hanno percorso a piedi più di 10mila chilometri, hanno pedalato per quasi 800 chilometri e hanno fatto casa-scuola con il bus per oltre 500 chilometri.

Premiate le scuole superiori

Sono gli studenti green delle scuole superiori di Verona, che hanno scelto la mobilità sostenibile per i loro spostamenti aderendo al concorso "Muoversi", promosso dal Comune di Verona e avvallato dal Provveditorato.

Nel periodo 1 marzo-30 maggio, sono state 21 le scuole cittadine che hanno partecipato al progetto, per 359 studenti coinvolti. Per loro, è stata realizzata un'iniziativa ad hoc: attraverso l'App Muoversi, infatti, i ragazzi hanno avuto l’opportunità non solo di acquisire punti per il concorso a premi abbinato ma nel contempo di scoprire la propria città attraverso dieci percorsi culturali suggeriti. Monitorando gli spostamenti effettuati a piedi, in monopattino, in bicicletta o in autobus, gli studenti hanno così accumulato punti in base al loro numero, lunghezza e tipologia.

Sul podio sono saliti a pari merito il Liceo scientifico Messedaglia e l'Istituto Ferraris-Fermi, premiati entrambi con 500 euro da spendere per progetti e iniziative legate alla mobilità sostenibile.

Le premiazioni del concorso, promosso dall’assessorato all’Ambiente del Comune in collaborazione con Agsm-Agsm Lighting, società realizzatrice dell’App e del QR Code, si sono tenute davanti alla scalinata di Palazzo Barbieri. Erano presenti l'assessore all'Ambiente Ilaria Segala e alla Mobiltià Luca Zanotto, Dino Mascalzoni dell’Ufficio Scolastico per l'Educazione Fisica e Sportiva di Verona, gli alunni delle scuole vincitrici con i loro insegnanti. L'assessore Zanotto ha affermato:

“L’obiettivo è quello di incentivare e valorizzare i comportamenti virtuosi in favore della mobilità sostenibile. Inoltre, attraverso queste nuove attività e al monitoraggio dei loro spostamenti, gli adolescenti imparano non solo a conoscere meglio la propria città, ma anche a percorrerla in modalità green, con mezzi che fanno bene alla salute e contribuiscono a diminuire il traffico cittadino. Ringrazio i dirigenti scolastici, gli insegnanti e i mobilty manager delle scuole perché supportano con convinzione questo progetto, facendolo diventare anche occasione di riflessione tra gli studenti”.

Segala ha concluso:

"L'utilizzo dell'App Muoversi ha dimostrato negli anni la sua efficacia. Ognuno di noi può fare molto per contribuire alla salvaguardia dell'ambiente e incentivare la partecipazione dei ragazzi è doppiamente importante. I giovani sono infatti la categoria di cittadini più sensibile al tema e contribuiscono a diffondere questo nuovo approccio alla tutela. Le buone pratiche sono contagiose e fanno bene al nostro territorio, puntiamo ad un deciso cambio di mentalità, e i giovani sono i primi ad averne tutto l’interesse”.