Sport
Paralimpiadi

Il veronese Stefano Raimondi oro alle Paralimpiadi di Tokyo

La sua storia potrebbe essere tranquillamente la sceneggiatura di un film.

Il veronese Stefano Raimondi oro alle Paralimpiadi di Tokyo
Sport Verona Città, 26 Agosto 2021 ore 17:29

Il veronese Stefano Raimondi ha conquistato la medaglia d'oro alle paralimpiadi di Tokyo facendo sua la finale dei 100 rana.

Un vero talento del nuoto

Raimondi era un vincente, sul podio nel nuoto fin da giovanissimo, talento autentico con una grande carriera davanti a sé. Finché un incidente in moto non ha cambiato i suoi sogni in incubi. Stefano pensa che sia tutto finito, ma grazie alla spinta e al sostegno dei suoi genitori rientra in piscina e si riprende dallo shock emotivo. Torna alle gare più forte di prima, abbatte i propri record, cambia la tecnica di nuotata per sopperire alla debolezza delle gambe. E ricomincia a vincere, fino all’oro olimpico di oggi, conquistato al primo tentativo.

La gioia di Luca Zaia

“Dopo il bronzo di Bettella e l’argento di Beggiato, ecco l’oro di uno straordinario Stefano Raimondi nei 100 rana Sb9. Siamo al secondo giorno di gare alle Paralimpiadi e ci troviamo già di fronte a un podio tutto veneto, con tre medaglie, tre colori diversi ma con un unico comun denominatore: l’orgoglio e la gratitudine di tutto lo sport del Veneto per ragazzi che potrebbero insegnare la vita a mezzo mondo”. Così il Presidente della Regione Veneto commenta l’oro appena conquistato nel nuoto paralimpico dal giovane veronese (è di Zimella), Stefano Raimondi.

Una storia da film

“Non ci sono parole – aggiunge il Governatore – per festeggiare adeguatamente questo trionfo, perché la storia di Stefano è di quelle che potrebbe fare da sceneggiatura per un film”. “E’ bello pensare che quella moto che sembrava avergli stroncato la vita – conclude il Presidente del Veneto – oggi fosse dentro di lui, con tutta la sua potenza, a guidarlo verso il riscatto. Bravo Stefano, da te e da tutti i tuoi compagni paralimpici in moltissimi dovrebbero venire a scuola di vita”.