Sport
Zimella

Medaglia d’argento con la staffetta, Sboarina: "Bravissimo Stefano Raimondi!"

Lo sport veneto continua a vivere un sogno vincente.

Medaglia d’argento con la staffetta, Sboarina: "Bravissimo Stefano Raimondi!"
Sport Legnago e bassa, 30 Agosto 2021 ore 17:55

Soddisfazione a Verona per la medaglia d’argento nei 100 metri SL di nuoto alle Paralimpiadi di Tokyo.

Medaglia d’argento con la staffetta

Arrivano direttamente dal sindaco di Verona Federico Sboarina, i complimenti per Stefano Raimondi di Zimella per aver vinto, assieme agli altri 3 staffettisti azzurri, medaglia d’argento nei 100 metri SL di nuoto alle Paralimpiadi di Tokyo. Sboarina ha scritto:

"Bravissimo Stefano Raimondi, un altro grande obiettivo raggiunto.
Oggi gli atleti paralimpici italiani hanno conquistano la medaglia d’Argento nella staffetta 4X100. Verona vi applaude".

I complimenti da Zaia

“Anche oggi i nostri ragazzi alle Paralimpiadi ci stanno regalando emozioni forti. Come la straordinaria remuntada da settimi all’argento nella 4 per 100 SL maschile di nuoto con Alberto Fantin di Bibione, Simone Ciulli, Simone Barlaam e l’ormai immancabile squalo Stefano Raimondi di Zimella, Verona. Che batticuore! Grazie ragazzi!”

Così il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia si rivolge ai quattro staffettisti azzurri, medaglia d’argento nei 100 metri SL di nuoto alle Paralimpiadi di Tokyo.

Per Fantin e Raimondi, già sul podio in altre gare – aggiunge il Governatore – si tratta di una bella conferma, non solo di capacità tecniche, ma anche di tenuta psichica e fisica dopo giorni di competizione. Più in generale è bello constatare come le squadre che fanno le staffette siano sempre competitive, affiatate, l’incarnazione del tutti per uno, uno per tutti”.

“Lo sport veneto – conclude il presidente – continua a vivere un sogno vincente. Auguro a tutti i ragazzi in gara di risvegliarsi il più tardi possibile, perché solo chi non ha il coraggio di sognare non realizza i suoi sogni. Questi sono tutti giovani che di coraggio ne hanno a bizzeffe, e non solo di sognare”.