Tempo libero
Verona

Nuovi interpreti per "La Traviata" di Verdi al 99esimo Arena di Verona Opera Festival

Marco Armiliato, Direttore Musicale del 99esimo Opera Festival, guida Orchestra e Coro della Fondazione Arena di Verona.

Nuovi interpreti per "La Traviata" di Verdi al 99esimo Arena di Verona Opera Festival
Tempo libero Verona Città, 15 Luglio 2022 ore 08:59

Le stelle dell’Opera sono a Verona per un fine settimana di grandi spettacoli e grande musica: dopo Carmen con un cast completamente nuovo, è la volta di nuove voci anche per La Traviata di Verdi, affidata ad artisti verdiani richiesti in tutto il mondo.

Nuovi interpreti per "La Traviata" di Verdi al 99esimo Arena di Verona Opera Festival

Alla sua prima stagionale, il grande tenore Francesco Meli torna in Arena come atteso Alfredo Germont, dopo aver mietuto successi a Dresda, Milano, Roma e Chicago in quattro diversi titoli del Maestro di Busseto, di cui è interprete di riferimento. Giorgio Germont, padre di Alfredo, per un’unica eccezionale data è affidato alla voce e alla figura del baritono Amartuvshin Enkhbat, già Nabucco inaugurale del Festival e reduce da uno storico riconoscimento personale di pubblico e critica come protagonista di un nuovo Rigoletto alla Scala.

Questi eccellenti artisti vanno ad affiancare la Violetta Valéry del giovane soprano armeno Nina Minasyan, sorpresa del 99° Arena di Verona Opera Festival 2022, in cui ha debuttato come protagonista delle prime recite di questa Traviata, un allestimento sontuoso che è anche l’ultima creazione di Franco Zeffirelli: la produzione inaugurò il Festival 2019 alla presenza del Presidente della Repubblica e in mondovisione Rai, per regia e scene del maestro con i costumi di Maurizio Millenotti, le coreografie di Giuseppe Picone e le luci di Paolo Mazzon. Lo spettacolo, lascito artistico di Zeffirelli, adatta l’intima storia di Violetta, di amore, rinuncia e riscatto, alla grandiosità unica degli spazi areniani, nel rispetto completo dell’opera verdiana.

Nelle parti di fianco, scelte con grande cura fra cantanti già affermati a livello internazionale e giovani promettenti, cui Fondazione Arena pone particolare attenzione, si confermano gli interpreti delle prime serate: l’amico Gastone, visconte anima delle feste, è interpretato da Carlo Bosi, il Barone Douphol da Nicolò Ceriani; il mezzosoprano norvegese Lilly Jørstad è Flora, insieme al giovane Marchese d’Obigny di Alessio Verna; Francesca Maionchi e Max René Cosotti sono i fedeli Annina e Giuseppe al servizio di Violetta, il giovane basso Francesco Leone è il Dottor Grenvil, mentre Stefano Rinaldi Miliani riveste il doppio ruolo di Commissionario e Domestico di Flora.

L’Orchestra della Fondazione Arena e il Coro preparato da Ulisse Trabacchin sono diretti da Marco Armiliato, Direttore Musicale del Festival 2022. Insieme ai Tecnici, ai numerosi mimi e figuranti, ci sarà anche il Ballo coordinato da Gaetano Petrosino, impegnato nelle coreografie originali con due prestigiose étoiles di oggi: i primi ballerini Eleana Andreoudi e Alessandro Staiano.

Repliche: 22, 30 luglio (ore 21.00), 6, 20 agosto e 1 settembre (ore 20.45)

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter