Cronaca
Verona

Arrestato corriere della droga, scoperto il nascondiglio stupefacente nella macchina

C'erano 8 panetti di eroina dal peso complessivo di gr. 5.507,46 avvolti con nastro adesivo e nascosti sotto il pianale dell’auto mediante placche magnetiche.

Arrestato corriere della droga, scoperto il nascondiglio stupefacente nella macchina
Cronaca Verona Città, 22 Gennaio 2021 ore 14:42

Questa mattina, venerdì 22 gennaio 2021 gli uomini della sezione per il contrasto al crimine diffuso della Squadra Mobile di Verona, diretta dal Vice Questore dott. Massimo Sacco, hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto K. R., un cittadino tunisino dell’89 responsabile del delitto di detenzione ai fini di spaccio di circa 5,5 chili e mezzo di eroina.

Era riuscito a fuggire

L’uomo era sfuggito all’arresto lo scorso 14 gennaio, quando il personale della 2^ sez. della Squadra Mobile, nell’ambito di specifica attività finalizzata al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, a seguito di un controllo lo aveva sorpreso a bordo di un’Opel Antara con la quale trasportava la droga.

Nella circostanza, il soggetto tunisino era scappato a piedi all’alt intimatogli dagli agenti nei pressi dell’Ospedale di Borgo Roma, dandosi a precipitosa fuga, scavalcando varie recinzioni e facendo perdere le sue tracce dopo aver abbandonando la sua autovettura.

La droga sotto all'auto

Gli agenti dopo aver sottoposto ad ispezione il veicolo hanno rinvenuto e sequestrato 8 panetti di eroina dal peso complessivo di gr. 5.507,46 avvolti con nastro adesivo e nascosti sotto il pianale dell’auto mediante placche magnetiche.
In considerazione della pericolosità del soggetto, pregiudicato per reati specifici, nonché per il fatto che sia scappato all’atto del controllo di Polizia, il Pubblico Ministero dr.ssa Eugenia Bertini della locale Procura della Repubblica ha emesso nei confronti del tunisino decreto di fermo di indiziato di delitto.

All’esito di una incessante attività di ricerca condotta nei giorni scorsi, il soggetto tunisino è stato rintracciato questa mattina dagli uomini della Squadra Mobile di Verona, e, sottoposto al fermo del Pubblico Ministero, è stato tradotto presso la locale casa circondariale.

3 foto Sfoglia la gallery
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter