Cronaca
Verona

Coronavirus, pronta la lettera per il Governo con le richieste delle attività economiche veronesi

Raccolte in 4 macro aree le richieste delle categorie

Coronavirus, pronta la lettera per il Governo con le richieste delle attività economiche veronesi
Cronaca Verona Città, 02 Marzo 2020 ore 17:54

Coronavirus, è pronta la lettera per il Governo.

Coronavirus, pronta la lettera per il Governo con le richieste delle attività economiche veronesi

Raccolte in quattro macro aree le richieste di tutte le categorie. A due giorni dall’incontro di venerdì 28 febbraio 2020 con tutti i rappresentanti del mondo economico, l’assessore al Commercio e alle Attività produttive ha già predisposto la lettera da inviare al governo.

LEGGI ANCHECoronavirus, una persona di Casaleone è risultata positiva al test

LEGGI ANCHE: Tragedia Montebello, la vittima è Sara Pavan di Cologna Veneta

Le misure urgenti evidenziate

Fra le misure urgenti evidenziate dalle osservazioni raccolte dal comporto industria e commercio: sospensione dei pagamenti per tasse e contributi previdenziali; riconoscimento di un credito d’imposta per ogni giorno di attività chiusa; riduzione dell’aliquota IRAP, IRPEF e IMU; accesso agevolato al credito e agli ammortizzatori sociali esistenti (Cassa integrazione ordinaria, straordinaria e in deroga); sospensione del pagamento delle rate dei mutui.

Sul fronte dell’agricoltura, invece, sono richieste: interruzione dei versamenti e degli adempimenti tributari; blocco dei pagamento delle rate dei mutui e dei finanziamenti di qualsiasi genere. Infine, alla ripresa dei pagamenti, rate ridotte, senza applicazione di sanzioni e interessi.

Per il turismo: possibilità per tutte le imprese turistiche di utilizzare i voucher senza limitazioni; riconoscimento di forme di detrazione fiscale per le spese di soggiorno; abbassamento della soglia alle transazioni tax free (ad oggi permesse solo sopra i 155 euro di spesa), per incentivare il ritorno dei turisti esteri in Italia; incremento del credito d’imposta per la partecipazione alle fiere internazionali.
Infine, a livello europeo, la richiesta di utilizzare dei fondi finora non assegnati.

In seguito all’incontro convocato lo scorso venerdì mattina con i rappresentanti delle categorie economiche di Verona – spiega l’assessore al Commercio e alle Attività produttive – ho predisposto una sintesi di quanto emerso, raccogliendo in una nota le osservazioni rilevate dal primo tavolo di lavoro per i settori maggiormente colpiti dal devastante impatto economico causato dagli effetti del Coronavirus. Si tratta di misure che come Amministrazione comunale chiediamo al Governo di attuare quanto prima nei settori Commercio, Turismo, Agricoltura e Industria, atte ad arginare i pesanti disagi economici che stanno compromettendo la nostra economia, non solo Veronese ma anche Veneta. Auspichiamo oggi più che mai una forte collaborazione da parte degli organismi governativi, che non possono rimanere inermi di fronte a quanto sta accadendo. Rivolgo un appello ai cittadini veronesi: nessun allarme, nessuna emergenza, viviamo la quotidianità e torniamo a godere della splendida città che è Verona, con la piena consapevolezza che la tutela della salute pubblica è assoluta priorità delle Amministrazioni e delle autorità sanitarie”.

Torna alla home