Non arrendersi

Fase 2 Coronavirus, Sboarina: “Sto progettando la ripartenza economica della città”

Idee chiare per la ripartenza della città a livello economico

Fase 2 Coronavirus, Sboarina: “Sto progettando la ripartenza economica della città”
Verona Città, 09 Aprile 2020 ore 13:53

L’importanza di non arrendersi ma riuscire a rialzarsi prima di tutti.

Il piano del sindaco Sborina per l’economia

Deciso e ricco di parole cariche di speranza e del desiderio di mettersi in gioco, di rialzarsi. Il sindaco di Verona, Federico Sboarina, durante il consueto punto stampa di oggi, giovedì 4 aprile 2020, ha espresso la sua volontà di aiutare quanto prima l’economia del paese cercando di ripartire appena possibile. A tal proposito il sindaco ha affermato:

“E’ da giorni che stiamo lavorando per il dopo, per una fase 2 ma non sulla base dei comportamenti da adottare o meno ma a quella che sarà la ripresa della nostra città. Voglio dirvi che a breve convocherò una videoconferenza con le categore economiche, dove sentirò i massimi esponenti e, da quella videoconferenza bisongerà capire quali sono i danni subiti e le strategie per ripartire tutti insieme. Il piano è quello di riuscire a essere i primi a rialzarsi, di essere forti e di trovare un modo di emergere in un mondo che non sarà di certo lo stesso di prima”.

Fare la somma dei danni subiti

Il sindaco in questo ultime mese è rimasto costantemente in contatto con le realtà economiche, rilevando i numeri sulla negatività dell’economia e, nella videoconferenza della prossima settimana, registrerà inoltre le previsioni sulla negatività sull’economia. A tal proposito, Sboarina ha affermato:

“E’ vero, noi siamo caduti a livello di economia ma dalle aziende e dall’amministrazione chiederò una visione al futuro, dobbiamo partire dal presupposto che questa non è una parentesi dove ci siamo fermati e che, chiusa la parentesi, ripartiamo come prima. Non sarà così. Davanti a noi ci sarà un mondo diverso, la capacità dovrà essere quella di essere veloci e di riuscire a inserire un asset come Fiera, Arena, Lago, colline, turismo, vino, agroalimentare. Dobbiamo capire insieme la giusta visione, io un’idea ce l’ho già, ho individuato quali saranno i nuovi schemi dove porre la capacità progettuale, proprio come dei costituenti della ripartenza della città. E’ fondamentale, su questo sto lavorando e voglio dai primi giorni della prossima settimana lavorare insieme con le categorie. Ritengo che sia fondamentale, nel momento in cui si potrà ripartire, avere le idee chiare, da che parte sarà indirizzato il mondo, come valorizzare ciò che abbiamo, quali strumenti di promozione, ci saranno un sacco di opportunità. Se questo è un momento tremendamento negativo, come nel secondo dopo guerra, anche qui chi ha le idee migliori riesce a ripartire ed essere più forte di prima, è quello che voglio io, se ci eravamo abituati ad avere milioni di persone che venivano nelle nostre zone, dobbiamo essere bravi che queste persone tornino perché noi dobbiamo avere delle idee chiare per la ripartenza città”.

LEGGI ANCHE: Veneto, perse 40mila posizioni di lavoro dipendente, CGIL Verona: “Assicurarsi che nessuno resti indietro”

LEGGI ANCHE: Provoca un incidente sbalzando l’auto nel fosso, salva la donna ma si dà alla fuga per non essere riconosciuto

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei