Menu
Cerca
Pastrengo

Fornisce false generalità ai Carabinieri: aveva il permesso di soggiorno scaduto

Il ragazzo, prima di consegnare i documenti alla pattuglia, giustificava la sua presenza spiegando che aveva appena finito di lavorare presso un’azienda di Pastrengo, dove era stato a suo dire regolarmente assunto, e che stava rientrando a casa.

Fornisce false generalità ai Carabinieri: aveva il permesso di soggiorno scaduto
Cronaca 23 Aprile 2021 ore 15:03

Nel pomeriggio di ieri, 21 aprile 2020, i Carabinieri di Pastrengo hanno tratto in arresto W.I. un operaio trentatreenne di origini senegalesi domiciliato a Verona, per aver fornito delle false generalità nel corso di un controllo.

Fornisce false generalità ai Carabinieri

In particolare, verso le ore 15.00 di ieri, nel corso di un servizio di controllo del territorio svolto dai Carabinieri di Pastrengo nei pressi della località Bionde del citato comune, notavano l’odierno arrestato che attirava la loro attenzione in quanto continuava a guardarsi intorno in modo sospetto, come se stesse cercando qualcuno o qualcosa.

Nella circostanza i militari gli chiedevano i documenti per generalizzarlo, soprattutto per togliersi il dubbio che questi non stesse facendo il “palo” ad uno suo eventuale complice intrufolatosi all’interno di qualche abitazione per derubarla.

Il ragazzo, prima di consegnare i documenti alla pattuglia, giustificava la sua presenza spiegando che aveva appena finito di lavorare presso un’azienda di Pastrengo, dove era stato a suo dire regolarmente assunto, e che stava rientrando a casa. Nell’occasione tentava di salire a bordo della sua bicicletta per allontanarsi e, quindi, evitare il controllo. Invitato ancora una volta a fornire i documenti, il senegalese, mostrando un comportamento intollerante, riferiva di non esserne in possesso.

Generalità fornite non erano state mai censite

I Carabinieri, senza cedere sulla necessità di conoscere le generalità del controllato, continuavano ad incalzarlo chiedendogli materialmente di trascrivere su un foglio bianco almeno nome, cognome, luogo e data di nascita; l’uomo però dichiarava delle generalità completamente diverse rispetto a quelle emerse nel corso degli accertamenti poi eseguiti dai militari. Difatti, l’immediata verifica nella banca dati consentiva di appurare che le generalità fornite non erano state mai censite, circostanza anomala per un cittadino extracomunitario che riferiva di trovarsi in Italia regolarmente.

I Militari, inoltre, eseguivano un ulteriore controllo presso l’azienda dove il senegalese aveva riferito di lavorare, il cui responsabile, dopo un’attenta verifica, asseriva che il nominativo fornito non era compreso nell’elenco delle persone assunte. Durante tali accertamenti, in più occasioni, i Carabinieri sono dovuti intervenire affinché il ragazzo non si allontanasse dal luogo, in quanto più volte aveva tentato di salire in sella alla sua bici per andare via.

Dopo parecchie insistenze, quest’ultimo riferiva che i suoi documenti si trovavano presso il suo domicilio situato nella frazione Ponton di Sant’Ambrogio, dove i Carabinieri, insieme al senegalese si portavano poco dopo; anche in questa circostanza il ragazzo più volte tentava di evitare di consegnare i suoi documenti dimostrandosi intollerante al controllo che stava subendo.

Permesso di soggiorno scaduto

Tuttavia, dopo essere riusciti a convincerlo, i Militari ricevevano finalmente i documenti dai quali appuravano le vere generalità del senegalese; sottoposto anche ad accertamenti dattiloscopici, emergeva che lo stesso aveva il permesso di soggiorno scaduto ed era ancora in fase di rinnovo, circostanza che probabilmente stava tentando di nascondere.

A quel punto, i Carabinieri di Pastrengo procedevano all’arresto del senegalese che, a seguito di rito direttissimo celebrato nella mattinata odierna, veniva condannato a 5 mesi e 10 giorni di reclusione, beneficiando della sospensione della pena e, quindi, rimesso in libertà.