Cronaca
Verona e Peschiera

Imputate altre due rapine ai malviventi che avevano rapinato la Posta di via del Pontiere

Indispensabili i video delle videocamera di sorveglianza

Imputate altre due rapine ai malviventi che avevano rapinato la Posta di via del Pontiere
Cronaca Verona Città, 02 Marzo 2020 ore 20:02

Imputate altre due rapine ai malviventi che avevano portato a segno la rapina all'ufficio postale.

Imputate altre due rapine ai malviventi che avevano rapinato la Posta di via del Pontiere

Nel pomeriggio di venerdì 28 febbraio 2020,  è stata eseguita l'ordinanza custodia cautelare per gli autori delle rapine commesse il 7 ed 8 gennaio 2020, la prima a Pescantina all'ufficio postale e la seconda in via Cristofoli, in zona Stadio. E' lo sviluppo dell'attività che è stata effettuata dalla squadra mobile per la flagranza di reato con l'arresto di due persone dopo la rapina del 27 gennaio 2020 in Via del Pontiere dov'è stato fatto un lavoro certosino da parte degli uomini della Sezione Reati contro il Patrimonio della Squadra Mobile. I soggetti sono gli autori delle rapine e si tratta di Maurizio Sartor e Mario Perobelli.

LEGGI ANCHECoronavirus, una persona di Casaleone è risultata positiva al test

LEGGI ANCHE: Tragedia Montebello, la vittima è Sara Pavan di Cologna Veneta

L'individuazione

Grazie ai video delle telecamere di videosorveglianza gli agenti hanno potuto vedere i malviventi arrivare con una vettura di colore scuro, elemento da cui sono partiti poi a investigare all'indomani delle due rapine. Partendo dalla vettura di cui nella seconda rapina, un testimone aveva fornito la targa, da questi elementi gli agenti sono arrivati a colui che usava la vettura e cioè Mario Perobelli. Da questo passaggio investigativo, si è conclusa l'indagine con l'arresto in flagranza il 27 gennaio 2020, dopo che è giunta la certezza con ulteriori due indicazioni: gli abiti usati nella prima e nella seconda rapina sono gli stessi, rinvenuti nella perquisizione dopo l'arresto. Ulteriore indicazione viene fornita dall'analisi del traffico telefonico registrato degli indagati. La macchina utilizzata, gli abiti e il traffico telefonico registrato hanno permesso quindi di incastrare i due malviventi. Entrambi i malviventi sono di Verona e hanno 38 e 37 anni.

7 foto Sfoglia la gallery

 

Torna alla home