Bovolone

Mirandola: “In momenti come questo ci rendiamo conto di quanto poco possiamo contare”

Il sindaco ha rimarcato l'importanza di reagire tutti insieme

Legnago e bassa, 13 Aprile 2020 ore 16:02

Il sindaco di Bovolone, Emilietto Mirandola, ha fatto una riflessione sull’emergenza Coronavirus.

Il messaggio del sindaco di Bovolone


Il sindaco di Bovolone, Emilietto Mirandola, in occasione della Santa Messa ha deciso di lanciare un messaggio a tutti i cittadini e porre alcune riflessioni:

“Buongiorno e tanti auguri a tutti da parte dell’amministrazione comunale. Sono qui questa mattina perché abbiamo condiviso assieme alla parrocchia, ai parroci e al vescovo di voler dare questo messaggio a tutti i cittadini e parrocchiani che ci sono le istituzioni, c’è la parrocchia, c’è la chiesa per i cristiani, ci sono le istituzioni civili che in questo momento sono vicine a una comunità non solo la nostra. Questo è un problema che riguarda tutto il mondo in questo momento. Noi stiamo vivendo un momento molto particolare e non vi nascondo che, la responsabilità che mi sento addosso in questo momento è abbastanza pesante perché, mentre durante un’amministrazione normale si superano tutti quei problemi che sono amministrativi, oggi siamo di fronte a un evento che non ha precedenti. Effettivamente il sindaco ha un ruolo di padre per il paese però deve avere rispetto di un figlio, di fronte a una comunità che l’ha fatto crescere pertanto io credo che la vicinanza di tutti, la volontà di uscirne e tutte le iniziative possibili che abbiamo la possibilità di mettere in atto lo stiamo facendo”.

Particolare attenzione nei punti sensibili

Il sindaco Emilietto Mirandola ha proseguito:

Abbiamo una particolare attenzione per i punti più sensibili come la casa di riposo, gli ospedali e altri luoghi comunque delicati. Abbiamo una fortuna perché, nei confronti del resto del mondo, bene o male abbiamo delle strutture sanitarie che riescono a coprire l’emergenza, penso in questo momento in certi punti, per esempio ai campi profughi e posti dove la sanità ha una valenza diversa. Credo che questo momento ci faccia riflettere un attimo per quello che è l’essere umano all’interno di questo mondo perché abbiamo visto il potere, tutto quello che si vuole però, di fronte alla natura ed eventi  di questo tipo ci rendiamo conto di quanto poco possiamo contare. Dobbiamo però reagire comunque sperando che i nostri governanti facciano quelle scelte più adatte che vadano a sopperire alle carenze che ci sono in questo momento. Parlo non solo della Regione, del Governo, della Comunità Europea, di tutti, che facciano quelle scelte per poter attenuare il più possibile queste sofferenze che tutti abbiamo. Il mio pensiero va a tutti i cittadini di Bovolone, ai contagiati, alle forze dell’ordine in questo momento che stannno lavorando molto, a tutti coloro che si stanno impegnando, vi assicuro che se tutti faremo la nostra parte riusciremo, anche magari con più di positività, a vivere quelle cose che prima pensavamo ci fossero dovute e invece effettivamente è diverso pertanto buona Pasqua a tutti, sappiate che l’amministrazione e anche la parrocchia c’è vicino a voi”.

LEGGI ANCHE: Ordinanza di Pasquetta di Zaia: attività motoria oltre i 200 metri, restano chiusi i supermercati la domenica

LEGGI ANCHE: Autocertificazione: “Festa da amici”, lo perquisiscono e trovano della droga nei boxer

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità