Verona

Parte il recupero di Forte San Procolo, Sboarina: “Trasformiamo le idee in fatti”

Sono previste un'area giochi per i bambini, un teatro all'aperto, un'area cani e una parte boscata da conservare e potenziare in virtù della biodiversità che il Forte custodisce, fatta di un’ampia gamma di specie di flora e fauna.

Parte il recupero di Forte San Procolo, Sboarina: “Trasformiamo le idee in fatti”
Verona Città, 05 Agosto 2020 ore 17:35

Forte San Procolo si prepara ad essere vissuto dalla città.

Concessione al Comune

A cominciare dal grande polmone verde, più di 70 mila metri quadrati di area tra i quartieri Saval e Navigatori, per poi passare agli edifici coperti. Da pochi giorni, infatti, il compendio militare è in concessione al Comune per un anno, in attesa del trasferimento definitivo da parte del Demanio, come richiesto dall’amministrazione. Un lasso di tempo fondamentale per iniziare le operazioni di verifica e valutazione del compendio in vista del progetto di valorizzazione complessivo, che il Comune presenterà all’agenzia dello Stato tra qualche giorno, entro la metà di agosto. In questa prima fase intanto, grazie alla concessione anticipata, si può dare avvio ai lavori di rilievo e analisi delle strutture, con una particolare attenzione alla tutela del ricco patrimonio ambientale, coinvolgendo anche la cittadinanza, come era stato fatto l’anno scorso con le visite guidate e le giornate di pulizia degli spazi verdi.

Rendere accessibile l’area esterna

L’obiettivo dell’amministrazione è quello di rendere accessibile l’area esterna il prima possibile, già dalla prossima primavera, intervenendo subito con i lavori di disboscamento e pulizia del verde che al momento si trova allo stato incolto. Sono previste un’area giochi per i bambini, un teatro all’aperto, un’area cani e una parte boscata da conservare e potenziare in virtù della biodiversità che il Forte custodisce, fatta di un’ampia gamma di specie di flora e fauna. Per questa prima fase, l’amministrazione impegna circa 300 mila euro, necessari per rendere l’area accessibile, vivibile e sicura. Successivamente sarà la volta degli edifici coperti, che tuttavia versano in buono stato conservativo. Bisognerà valutare le destinazioni urbanistiche più idonee, considerando la posizione strategica in cui si trova il forte, a pochi passi dal centro, ma anche le aspettative di cittadini e residenti.

Conoscere la progettualità

Partecipazione. Questo lo strumento più volte scelto dall’amministrazione per coinvolgere i veronesi su temi e progetti di rilievo e di interesse pubblico. Il progetto pensato per riqualificare Forte San Procolo sarà presentato alla cittadinanza in un’assemblea pubblica, in programma martedì 11 agosto alle 18 negli spazi del Poligono di Tiro a segno in via Magellano, proprio limitrofo all’area del Forte. Residenti e cittadini avranno modo di conoscere la progettualità messa nera su bianco dal Comune per recuperare l’area ma anche intervenire con proposte e idee per far sì che tale intervento vada a beneficio dei quartieri interessati e di tutta la città.

Valorizzazione del verde esistente

Durante la serata sarà presentato nel dettaglio il piano di tutela e promozione, realizzato dall’assessorato alla Pianificazione urbanistica in sinergia con gli Uffici Unesco: pulizia complessiva degli spazi interni ed esterni, per rendere accessibile e disponibile l’area ai cittadini; creazione di una concreta fruibilità del Forte da parte dei vicini quartieri Navigatori e Saval; coinvolgimento di associazioni per la gestione iniziale della struttura, con l’uso temporaneo dell’interno dell’edificio per l’organizzazione di visite guidate. Allo studio anche diverse modalità di accesso al forte ora precluse come l’accesso da via Mocenigo o da via Giovanni da Verrazzano con una stretta interazione anche con la parrocchia dello Santo Spirito. Si propone di creare nell’area del forte di uno spazio per giochi di bimbi e famiglie e un teatro all’aperto oltre che una valorizzazione del verde esistente.

Il sopralluogo

Questa mattina, mercoledì 5 agosto 2020 il sopralluogo del sindaco di Verona, Federico Sboarina, all’interno dell’area, accompagnato dagli assessori alla Pianificazione urbanistica e Ambiente, Ilaria Segala, ai Lavori pubblici Luca Zanotto, l’assessore con delega all’Unesco e Bilancio Francesca Toffali e l’assessore con delega al Patrimonio Edi Maria Neri. Presente anche il presidente dell’associazione Verona Città Fortezza Federico Vantini, a cui era stata affidata la gestione delle visite guidate al Forte. Sboarina ha affermato:

“Un altro esempio dell’importante lavoro che stiamo facendo per riqualificare aree degradate e abbandonate e per restituirle alla città, contribuendo ad innalzare la qualità di vita dei residenti. Penso all’ex Manifattura Tabacchi, ad Adige Docks e a tutti quei cantieri che sono già partiti e procedono secondo le tabelle di marcia stabilite. Il valore aggiunto di Forte San Procolo è il polmone verde che lo circonda, per il quale stiamo valutando le soluzioni migliori per valorizzarlo e renderlo fruibile da subito. L’attenzione al verde è prioritaria, lo dimostra il progetto madre dell’ex Scalo merci, che prosegue come stabilito, dimostrando cosa significa trasformare le idee in progetti e realizzarli”.

Area verde di grandi dimensioni

L’assessore alla Pianificazione urbanistica ha spiegato:

“Il progetto da presentare al Demanio è pronto, ci tengo molto che anche i veronesi lo conoscano e possano apprezzarlo. L’area verde attorno al Forte è di grandi dimensioni e custodisce una biodiversità che va tutelata. La struttura del Forte, invece, in molte parti è in buone condizioni. L’obiettivo è di avviare quanto prima gli interventi necessari per la sua sistemazione, per riconsegnare finalmente alla città questo importante complesso monumentale. Si tratta di un progetto che ha riscontrato un grande interesse da parte di tanti veronesi. Anche per questo, la concessione provvisoria riconosciuta per un anno dal Demanio al Comune è un risultato molto importante. Ora possiamo dare immediato avvio al recupero di questo tesoro, in modo da tutelare e valorizzare sia il compendio che gli spazi attorno”.

Riqualificare il monumento

Luca Zanotto ha spiegato:

“Abbiamo accelerato i tempi per poter avere questo Forte il prima possibile, in modo da tutelare e valorizzare sia il compendio che gli spazi attorno. Riqualificare il monumento e l’area circostante vuol dire anche intervenire sugli aspetti viabilistici di pertinenza, mettendo in sicurezza gli ingressi e le aree di accesso al Forte“.

L’assessore co delega al Patrimonio ha proseguito:

“Con il trasferimento a titolo gratuito del Forte Procolo, l’amministrazione procede nell’impegnativo percorso di acquisizioni di cespiti tanto imponenti dal punto di vista della struttura architettonica e tanto significativi dal punto di vista storico-culturale, raggiungendo quota 10 su 11 compendi del patrimonio della Verona Fortificata. Siamo impegnati in un progetto allargato di recupero e di valorizzazione non solo per farli conoscere, ma per renderli luoghi nuovamente accessibili e fruibili dai veronesi“.

Toffali ha concluso:

“Stiamo valutando la possibilità di ampliamento alla linea difensiva esterna del nostro sito Unesco. In questo momento, infatti, è riconosciuta un bene patrimonio dell’umanità solo la cinta magistrale interna. Ci sono però dei forti che hanno un grandissimo valore storico-culturale e che meritano a pieno titolo d’essere riconosciuti e conosciuti a livello internazionale“.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità