Verona

Piscine Lido: aggiudicata la progettazione del primo parco acquatico pubblico d’Italia

Dopo Ferragosto sarà pronto il progetto definitivo con tutti i dettagli.

Piscine Lido: aggiudicata la progettazione del primo parco acquatico pubblico d’Italia
Verona Città, 16 Luglio 2020 ore 16:11

Aggiudicata la progettazione delle nuove piscine Lido, pronte a diventare il primo parco acquatico pubblico d’Italia.

Pensato per le famiglie

Uno spazio per famiglie e bambini, completamente privo di barriere architettoniche. E, novità annunciata oggi, aperto non solo d’estate con due vasche, una per il nuoto e l’altra con giochi e scivoli, ma anche nei mesi invernali grazie ad una nuova area fitness e wellness. Dopo Ferragosto sarà pronto il progetto definitivo con tutti i dettagli. È quanto ha svelato, oggi, giovedì 16 luglio 2020 dall’assessore all’Edilizia sportiva Filippo Rando, presentando i vincitori del bando per la progettazione, il raggruppamento a guida veronese formato da Contec Ingegneria, la capogruppo, insieme a Contec Aqs per la sicurezza ambientale, Idea srl per lo sviluppo infrastrutturale, lo studio di architettura J+S e il geologo Simone Dal Forno.

Un progetto ambizioso

Il team sta lavorando per lo sviluppo del progetto preliminare realizzato dal Comune. Oggi, a Palazzo Barbieri, Stefano Savoia, consigliere delegato Contec Ingegneria, e l’ingegnere Andrea Brunelli hanno rivelato alcuni dettagli delle nuove Lido. Sul tavolo già le prime idee studiate dai professionisti, sulla base delle indicazioni date dall’Amministrazione comunale. Architetti e ingegneri si occuperanno non di una semplice ristrutturazione del centro natatorio veronese ma di una totale riqualificazione. Un progetto ambizioso per il quale il Comune ha stanziato 3 milioni di euro, con l’obiettivo di restituire alla città un centro completamente nuovo, moderno e fruibile da tutti, soprattutto da chi ha difficoltà motorie. L’area, con 6 mila metri quadri di verde, sarà dotata di due nuove piscine attrezzate per il relax e il divertimento, soprattutto dei più piccoli, con scivoli d’acqua e giochi. L’attività sportiva e agonistica sarà invece di competenza dell’attiguo Centro Federale Castagnetti. Tutto verrà rifatto, dal bar agli spogliatoi. Anche gli impianti idraulici, che saranno separati da quelli dell’attuale Centro Fin, garantendo così al parco acquatico piena autonomia.

Tempistiche

Nell’arco di un mese verrà elaborato il progetto definitivo, con la ridefinizione di spazi, percorsi e funzioni. Dopo Ferragosto si conosceranno i dettagli della nuova Lido, che verranno sottoposti alla Soprintendenza, l’area, infatti, è vincolata in quanto sotto le mura magistrali. Nel frattempo l’amministrazione sta predisponendo il bando per l’affidamento dei lavori e la gestione dell’impianto. Seguirà la progettazione esecutiva e con il 2021 partiranno anche i cantieri. L’obiettivo è di accelerare i tempi e consegnare il parco acquatico già per la prossima stagione estiva. Gli ultimi lavori di riqualificazione delle piscine Lido risalgono agli anni 1996-1997, più di 20 anni fa.

Si potrà usare tutto l’anno

Rando ha spiegato:

“La piscina Lido è sempre stata fra le nostre priorità e tra un mese vedremo come sarà la struttura dei prossimi trent’anni. Abbiamo continuato a lavorare, anche in piena emergenza, per non perdere nemmeno un giorno e arrivare quanto prima al progetto definitivo. Avremmo potuto lasciare aperto il centro natatorio, facendo solo le riparazioni necessarie ma, come Amministrazione, abbiamo optato per una soluzione definitiva. Tenere chiuse le Lido non è stata una scelta facile, così facendo però verranno completamente valorizzate e la città avrà un nuovo parco acquatico, accessibile a tutti, a prezzi contenuti. E aperto anche d’inverno, per utilizzare la struttura tutto l’anno. In generale, la situazione degli impianti natatori di Verona è buona. Invito a confrontare la situazione delle nostre aperture con quella di altri comuni veronesi o delle altre città limitrofe. Non tutti sono riusciti a riaprire gli impianti, mentre da noi sono tutti in funzione. Ringrazio i gestori delle piscine comunali di Verona, che sono tutte operative, per lo sforzo messo in atto nonostante le difficoltà dovute dall’emergenza che abbiamo vissuto”.

Savoia ha concluso:

“Le piscine Lido sono uno dei luoghi più cari nella memoria di molte generazioni di veronesi, ecco perché la nostra responsabilità sarà quella di riattivare un intero impianto, tenendo in considerazione la sua storia e i valori che porta con sé lo sport e il sano divertimento. Convertiremo il centro natatorio in parco acquatico, rendendolo adatto a famiglie e bambini, così come alle persone diversamente abili, un’accessibilità che in passato non era garantita. Stiamo valutando tutti gli aspetti per ottimizzare la struttura e, allo stesso tempo, far sì che in futuro abbia costi di gestione contenuti”.

La piantina del progetto
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità