Cronaca
Verona

Tentato omicidio nel parcheggio del Piper, arrestato l'aggressore: è un 21enne rodigino

L'episodio nella notte dello scorso 21 agosto. A casa del giovane i Carabinieri hanno anche sequestrato 86 grammi di hashish.

Tentato omicidio nel parcheggio del Piper, arrestato l'aggressore: è un 21enne rodigino
Cronaca Verona Città, 02 Settembre 2022 ore 10:46

Tre giovani accoltellati al ristobar “Piper”: aggressore arrestato dai Carabinieri.

Tentato omicidio nel parcheggio del Piper, arrestato l'aggressore: è un 21enne rodigino

Nella serata di ieri, giovedì 1 settembre 2022, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Verona hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari di Verona su richiesta della locale Procura della Repubblica, traendo in arresto un 21enne residente in provincia di Rovigo, per i reati di “tentato omicidio, lesioni personali aggravate e violenza privata”.

I militari dell’Arma, coordinati dalla Procura della Repubblica di Verona, sono riusciti a dare un volto al ragazzo che, nella notte dello scorso 21 agosto, ha accoltellato tre giovani italiani nel parcheggio esterno del noto ristorante bar “PIPER”. Il tutto è scaturito per futili motivi: un’incomprensione sorta tra sconosciuti mentre raggiungevano le proprie autovetture che, inizialmente, si è tradotta in un rapido scambio di battute, mal digerito dall’odierno indagato; tuttavia, una volta saliti sulle rispettive automobili, quest’ultimo ha volontariamente bloccato la strada d’uscita alle vittime ed ha iniziato aggredirle ripetutamente con un coltello di piccole dimensioni, attingendo anche punti vitali, per poi darsi a precipitosa fuga. Subito dopo l’evento, i feriti sono stati soccorsi dalle ambulanze e dalle dipendenti pattuglie radiomobili e trasportati presso l’Ospedale di “Borgo Trento”, ove sono stati curati per gravi lesioni.

Le indagini, da subito serrate e condotte anche con il prezioso contributo tecnico offerto dalla Polizia Locale di San Giovanni Lupatoto e di Verona, hanno permesso dapprima d’indentificare il reo all’interno del locale d’intrattenimento e, successivamente, di ricostruire tutti i movimenti del veicolo da lui utilizzato, dal momento della fuga sino alla provincia di residenza. Altresì, durante l’esecuzione del provvedimento cautelare, all’interno dell’abitazione in uso all’indagato, i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato 86 gr. di hashish e vario materiale per il confezionamento ed il taglio della sostanza. Terminate le formalità, l’arrestato è stato tradotto presso il carcere.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter