Menu
Cerca
Troppa pressione

Turni massacranti negli ospedali, Cisl Fp Verona: “E’ il momento di fare scelte drastiche”

Turni massacranti negli ospedali, Cisl Fp Verona: “E’ il momento di fare scelte drastiche”
Cronaca Verona Città, 17 Dicembre 2020 ore 12:54

Il livello della saturazione degli ospedali ha raggiunto dei livelli altissimi, gli operatori sanitari sono stremati da mesi di turni massacranti.

Livello di saturazione

“Se qualcuno pensa ancora che sia uno scherzo, allora è meglio che si ricreda, perché l’intensità delle segnalazioni che pervengono alla CISL FP di Verona sul livello di saturazione all’interno degli ospedali ha ormai raggiunto livelli mai visti prima”.

Sono le parole del Segretario generale Giovanni Zanini che in questi giorni sta lavorando gomito a gomito con Marco Nundini, segretario alla sanità per la CISL FP veronese e con tutti i delegati sul territorio, nel cercare di sostenere, per quanto possibile, i lavoratori degli ospedali scaligeri ormai stremati da mesi di turni massacranti, da un trend che li vede ammalarsi ad un ritmo impressionante.

Gravità della situazione

Lo documentano le centinaia di denunce Inail per infortunio che quotidianamente sono trasmesse dalle aziende sanitarie veronesi. Nundini ha spiegato:

C’è spesso una sottostima della gravità della situazione ormai si spostano in area ad alta intensità lavoratrici e lavoratori con diverse limitazioni per far fronte alla mancanza di personale. Le ultime video conferenze periodiche con le Amministrazioni assomigliano alle riunioni del Regio Esercito poco dopo la disfatta di Caporetto in cui Cadorna continuava a dire che era colpa dei fanti che non si erano fatti travolgere in trincea”.

Sale la preoccupazione

Il segretario generale Zanini aggiunge inoltre:

“Tant’è che la preoccupazione di qualche Direttore Generale, che forse ricorda ciò che accadde a Codorna quando perse il Veneto, resta ancora quella del leso onore dell’immagine, con tanto di pubblica minaccia di perseguire chi, ormai senza più forze e forse speranze, si è rivolto ai media per denunciare la situazione in cui quotidianamente lavora. E in trincea ci siamo davvero. Così non può andare avanti. Serve un chiaro cambio di strategia, servono chiare scelte non solo organizzative, ma anche e sicuramente politiche. Vi basti prendere i dati delle rilevazioni che fotografano la situazione quotidiana all’interno dei Pronto Soccorso della provincia”.

I dai parlano chiaro e Giovanni Zanini prosegue:

“Il 15 dicembre, ad esempio, alle ore 15.30 mentre nei due PS dell’Azienda Ospedaliera transitavano ben 88 pazienti, in quelli della Ulss 9 Scaligera i pazienti erano più di 160. Un numero enorme (250), spropositato se consideriamo che quasi la metà erano codici rossi e gialli. Codici che oggi, rispetto al passato, corrispondono in larga parte a patologie respiratorie serie e che, stante le statistiche ormai consolidate, significano Covid”.

Elevata saturazione

Nundini ci tiene a sottolineare che:

“Ora, stante la elevata saturazione delle aree ad alta intensità di cura, questi pazienti finiscono per transitare all’interno delle OBI (Osservazione Breve Intensiva), che ormai così breve non è, visto che rispetto alle 48 ore massime previste dalla norma oggi si parla anche di 4 o 5 giorni. Quattro o cinque giorni in cui questi numeri sfuggono al computo, visto che chi è in OBI, in attesa che si liberi un letto nell’area di cura, non è tecnicamente ricoverato”.

I delegati CISL FP ribadiscono:

Ormai nei pronto soccorso della provincia si lavora nelle tende, spostando bombole a destra e a manca, sperando che nei reparti, anch’essi ormai in seria difficoltà, si liberi un letto. Perché oltre all’allungamento dei tempi in OBI assistiamo negli stessi ad una concentrazione ormai oltre al limite, con situazioni in cui dove dovrebbero essere assistiti 7 pazienti infermieri ed oss si trovano a gestirne il doppio. Siamo arrivati ormai al punto in cui chi è in part-time rientra, se pur su base volontaria, a tempo pieno per supportare la situazione territoriale delle case di riposo. Appare evidente che gli spazi di manovra si restringono ogni giorno che passa e che serve accelerare ogni procedura di assunzione, censire ogni attività sanitaria procrastinabile per recuperare risorse, accelerare le dimissioni depurandole da lungaggini burocratiche, ma soprattutto comprendere che forse è il momento di scelte drastiche”.

LEGGI ANCHE:

Fp Cgil Verona: “Pressione su ospedali e RSA non è più sostenibile, serve il lockdown”

TI POTREBBE INTERESSARE:

Sindaco di Cologna Veneta positivo al Covid: “Virus subdolo, sono sempre stato attento”

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli