Politica
Emergenza Coronavirus

Case di riposo, Bigon: "Basta false rassicurazioni, si faccia fronte alla tragedia"

"E’ un mese che insisto in tutte le sedi: non dobbiamo rassegnarci ad assistere impotenti alla cancellazione di una intera generazione"

Case di riposo, Bigon: "Basta false rassicurazioni, si faccia fronte alla tragedia"
Politica Verona Città, 01 Aprile 2020 ore 19:23

Si scaldano gli animi sulla questione dell'emergenza del contagio all'interno delle case di riposo.

Emergenza contagio nelle case di riposo

Anna Maria Bigon, consigliera regionale Pd ha posto le sue riflessioni:

"Gli otto morti nella casa di riposto di Sommacampagna marcano tragicamente lo spartiacque tra la realtà e la politica degli annunci: ci sono 8 morti a cui finora nessuno ha fatto il tampone. Non li hanno fatti perché l’Ulss non li ha. Da Venezia sono arrivate le linee guida regionali, ma come possono procedere a riorganizzare la struttura e a dividere gli ospiti se non sanno neanche chi è positivo e chi no? E con quale personale dovrebbero far fronte all’emergenza visto che mancano anche gli operatori? E’ ora di finirla: della campagna di tamponi a tappeto è rimasto ormai soltanto il tappeto! La realtà è che su 5 milioni di veneti, i tamponi eseguiti finora sono soltanto 105 mila. Quale percentuale di popolazione è stata raggiunta tenendo conto che gli operatori sanitari devono fare il tampone più volte? Pochissime persone, e quasi nessuna tra gli ospiti delle case di riposo. E’ un mese che insisto in tutte le sedi: non dobbiamo rassegnarci ad assistere impotenti alla cancellazione di una intera generazione".

Case di riposo in difficoltà

Anna Maria Bigon ha inoltre aggiunto:

"Ma affinché qualcosa cambi è necessario dire le cose come stanno: le case di riposo sono per lo più abbandonate a se stesse: senza presidi, senza personale, senza strumenti. Si faccia fronte a questa realtà senza le false rassicurazioni a cui siamo stati abituati: visto lo stallo, si invitino le strutture a procurarsi da sole i tamponi. Si facciano partire immediatamente i laboratori di analisi, promessi da tempo. E nei casi in cui non sia possibile individuare i positivi, si individuino delle strutture dove mettere in isolamento tutti gli ospiti. Non occultiamo questa realtà: come verranno conteggiate le morti a cui non è stato fato l’accertamento? Secondo l’assessore andranno su un’altra contabilità. Sì, ma quale?"

LEGGI ANCHE: Emergenza Coronavirus, Lorenzetti: “Padiglione A della casa di riposo tutto positivo”

LEGGI ANCHE: Ezio Bonfante è morto, medico che ha aiutato chiunque avesse bisogno

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE ALTRE NOTIZIE