Cronaca
Zevio

Banda di malviventi messi in fuga dai Carabinieri, nell'auto c'erano numerosi arnesi da scasso

Il veicolo è risultato oggetto di furto avvenuto a febbraio

Banda di malviventi messi in fuga dai Carabinieri, nell'auto c'erano numerosi arnesi da scasso
Cronaca Legnago e bassa, 05 Marzo 2020 ore 16:49

Banda di malviventi messi in fuga dai Carabinieri, si aggiravano per le vie del paese.

Banda di malviventi messi in fuga dai Carabinieri, nell'auto c'erano numerosi arnesi da scasso

La scorsa notte, intorno alle ore 02:30, i Carabinieri hanno messo in fuga una banda di malviventi. Il tutto è avvenuto in Campagnola di Zevio, lì dove una pattuglia, nel corso della consueta vigilanza che diuturnamente espleta l’Arma dei Carabinieri, ha incrociato una vettura Audi A4 che, all’occhio e per l’esperienza dei militari, da subito è risultata sospetta. Quindi, nei pressi dell’uscita “Zevio 8” della Transpolesana, gli uomini in divisa, senza la minima esitazione, invertivano la marcia. Gli ignoti occupanti la vettura, dopo essersi accorti del mezzo militare, facevano a loro volta “dietrofront” accelerando ed immettendosi nella SS434 in direzione Legnago.

LEGGI ANCHE: Provvedimenti del Comune a sostegno di categorie economiche e cittadini

LEGGI ANCHECoronavirus, test positivo di un cittadino di Cerea, uno di Castagnaro e uno di Isola della Scala

L'inseguimento

Alle calcagna continuavano a mettersi i Carabinieri che, dopo aver nuovamente e repentinamente fatto un inversione di marcia, si lanciavano all’inseguimento dell’Audi, costringendo gli occupanti (tre persone) ad abbandonare dopo 500 metri, sulla Strada Statale, il mezzo scappando nelle limitrofe campagne, agevolati dal buio. Il veicolo, che è stato recuperato, è poi risultato oggetto di furto avvenuto nello scorso mese di febbraio a Gambellara (VI); al suo interno, inoltre, sono stati rinvenuti numerosi arnesi da scasso. L’episodio odierno rappresenta l’ennesimo caso in cui i Carabinieri del Comando Provinciale di Verona, riescono a mettere in fuga i criminali grazie ad un dispositivo di prevenzione costituito dai numerosi servizi di pattuglia del territorio, opportunamente distribuiti su tutta la provincia di Verona anche nell’arco serale e notturno.

Torna alla home