Cronaca
Verona

Provvedimenti del Comune a sostegno di categorie economiche e cittadini

Parcheggio Centro gratuito e posticipazione del pagamento dei plateatici

Cronaca Verona Città, 05 Marzo 2020 ore 15:48

Provvedimenti del Comune per sostenere attività e cittadini.

Provvedimenti del Comune a sostegno di categorie economiche e cittadini


Riuscire a dare un aiuto all'economia, ai cittadini e invogliare anche i turisti. Oggi, giovedì 5 marzo 2020, il sindaco Federico Sboarina, assieme all'assessore con delega al Commercio/Attività produttive, Nicolò Zavarise e al vicesindaco Luca Zanotto, ha reso noti, in Sala Arazzi, i provvedimenti del Comune di Verona a sostegno di categorie economiche e cittadini.

Federico Sboarina ha affermato:

"Siamo qui per fare il punto della situazione dopo il nuovo DPCM, da oggi sono chiuse le scuole in tutta Italia fino al 15 marzo. Ci sono anche altri provvedimenti sulle manifestazioni e sospensioni varie, le misure restrittive sono cambiate allargandosi in tutta Italia, inoltre il termine del decreto è il 3 aprile. Per dare un'idea delle restrizioni, ce nè una nel Dcpm che fa capire la situazione: all'articolo 2 viene fatta espressa comunicazione alle persone anziane di evitare di uscire dalle proprie abitazione, cosa mai richiesta. Non è un obbligo, è una raccomandazione ma è un passaggio ulteriore. E' una situazione critica a cui sto lavorando giorno e notte e arriviamo a una situazione che, dal punto di vista dell'emergenza sanitaria, quello che dobbiamo fare tutti è di vivere in modo normale questa situazione. Significa prendere atto che noi dobbiamo adeguarci a questi stili di vita, che mettono in difficoltà oggettiva ognuno di noi. Basta pensare alla famiglia che deve gestire i figli che non vanno a scuola, ma anche le attività commerciali dove nei centri storici in tutti Italia non ci sono turisti. Le difficoltà ci sono anche nei trasporti, è una situazione di difficoltà ma noi dobbiamo fare in modo, con dei messaggi, che siano proattivie e compatibili alla situazione di vivere la vita in modo normale".

LEGGI ANCHE“Forza Corona, stermina Verona”, il messaggio di odio fa il giro del web

LEGGI ANCHECoronavirus, test positivo di un cittadino di Cerea, uno di Castagnaro e uno di Isola della Scala

Le iniziative del Comune

Il Sindaco ha poi elencato le iniziative pensate e che saranno attuate dal Comune:

"Abbiamo deciso, grazie al presidente di AMT, Francesco Barini, di rendere gratuito il Parcheggio Centro fino al 31 marzo, questo significa che andiamo incontro alle esigenze delle persone che devono andare negli esercizi commerciali del centro e che normalmente devono proseguire la vita, andare negli esercizi pubblici, fare la spesa e quindi vivere la situazione ma noi andiamo incontro a loro rendendo gratuito il parcheggio. Ovviamente non si risolve la situazione però è il segnale che vogliamo stare vicini alle famiglie, come abbiamo fatto la scorsa settimana con la restituzione delle rette degli asili, scuole materne, elementari e media, delle mense scolastiche, provvedimento che ha inciso di mezzo milione di euro nel bilancio".

Il Comune ha pensato a un altra iniziativa e Sboarina ha spiegato:

"Stiamo studiando numerose alternative quindi ogni giorno vi terremo aggiornati sulle novità e decisioni che prendiamo all'interno dell'amministrazione. Abbiamo deciso di posticipare il pagamento della tassa sui plateatici a luglio e in parallelo anticipare la possibilità degli esercizi commerciali di mettere giù il plateatico dal 1 aprile com'era previsto, al 20 marzo".

Si tratta di un aiuto considerevole dato che oggi, gli esercizi commerciali come bar e ristoranti hanno difficoltà di ottenere guadagni a causa dei pochi clienti quindi, la posticipazione della tassa permette di venire incontro alla normalità delle attività. Con l'anticipazione di 10 giorni di poter mettere i plateatici permette di venire incontro ai provvedimenti che il Governo chiede a tutti di non consumare al bancone, quindi in questo modo allargando i plateatici viene data la possibilità di avere maggior possibilità di avere clienti per stare seduti in un luogo aperto e un contesto meno "rischioso" come potrebbe essere un luogo chiuso.

Sboarina ha poi concluso:

"Stiamo lavorando con le categorie economiche, nel momento in cui ci sarà la ripartenza noi saremo pronti prima di tutti li altri con delle risorse, promozioni e iniziative per rimettere la nostra città al meglio, come lo era 15 giorni fa in occasione di 'Verona in Love', una città viva, piena di gente. Stiamo inoltre partendo dal presupposto come se non avessimo nessun tipo di aiuto esterno, ovviamente da soli non ce la possiamo fare, come nessun Comune. Quello che chiederò io è che non può esistere che nel detecrto in materia economica vengano trattati in un modo i Comuni della zona rossa e noi, come tutti gli altri del Veneto, non veniamo presi in considerazione. Un contro è la zona rossa dal punto di vista sanitario, però non può esserci una zona rossa a livello economico dove noi non siamo inseriti".

Torna alla home