Verona

Bigon (PD) sul Citrobacter: “La Regione deve fare di più sul fronte prevenzione”

Bigon: "Va fatta immediatamente giustizia con la condanna di coloro che hanno sbagliato ed omesso il controllo e ricreato subito".

Bigon (PD) sul Citrobacter: “La Regione deve fare di più sul fronte prevenzione”
Verona Città, 17 Novembre 2020 ore 18:41

Il commento sulla relazione.

Le carenze

La consigliera regionale del Partito Democratico Anna Maria Bigon, vicepresidente della commissione Sanità, ha commentato il report degli ispettori ministeriali sull’ospedale veronese e il “batterio killer” che ha ucciso quattro neonati, mentre altri sono rimasti disabili.Bigon afferma:

“La relazione del Ministero della Salute sui casi di citrobacter a Borgo Trento evidenzia carenze dei vertici aziendali, sia dal punto di vista della governance che della comunicazione interna. Il direttore generale sapeva già da dicembre 2019 che si era verificato almeno un caso, ma non ha fatto niente, anzi ha ripetuto più volte di esserne venuto a conoscenza solo a maggio, istituendo a giugno una Commissione esterna. È poi incredibile che il Comitato Infezioni Ospedaliere si sia riunito quattro volte nel 2018 e altrettante nel 2019 senza mai affrontare il tema del citrobacter. Tuttavia per evitare che episodi così gravi possano ripetersi è necessario fare molto di più sul fronte della prevenzione. E nessuno può chiamarsi fuori”.

Serve giustizia

Bigon ha poi aggiunto:

“Sono vicina al dolore delle mamme, la morte e le lesioni dei piccoli non devono cadere nel nulla o con pochi capri espiatori. Va fatta immediatamente giustizia con la condanna di coloro che hanno sbagliato ed omesso il controllo e ricreato subito, per tutte le future mamme, un servizio di vera eccellenza”.

Evitare case analoghi

La consigliera ha suggerito di promuovere uno studio di prevalenza regionale e attivare un finanziamento ad hoc nel bilancio per le procedure di contrasto alle infezioni:

“Non credo invece sia opportuna una gara su chi ha stilato la ‘relazione migliore’, come ha fatto ieri il presidente Zaia, ma semmai capire come evitare casi analoghi a quello di Borgo Trento. Le Ica (Infezioni correlate all’assistenza), che colpiscono tra il 5 e l’8% dei pazienti ricoverati, si possono ridurre, a condizione che ci siano adeguate linee guida sulle misure di prevenzione e protezione e vengano rigorosamente seguite. Personalmente, però, non sono riuscita a rilevare studi multicentrici regionali di prevalenza sulle Ica, né la Relazione sociosanitaria della Regione del dicembre 2019 dedica sufficiente attenzione a questa problematica. Penso sia invece indispensabile promuovere uno studio di prevalenza regionale e attivare un finanziamento ad hoc nel bilancio per le procedure di contrasto alle infezioni in raccordo con il Ccm (Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie)”.

E ancora:

“Ma non solo va creata una vera e propria rete regionale di sorveglianza delle Ica, con corsi, seminari ed eventi formativi, organizzando capillarmente per ogni Ulss un cronoprogramma dettagliato e coinvolgendo tutto il personale sanitario. Devono poi essere migliorati i controlli, valorizzando all’interno di ogni struttura complessa una figura professionale specifica e istituendo anche un Registro regionale delle Infezioni correlate all’assistenza. Con la chiusura a Borgo Trento, manca ancora una Terapia intensiva neonatale. E ci sono problemi anche per le normali gravidanze, visto che strutture come il Magalini di Villafranca sono tornati a essere Covid center, con conseguente sovraccarico per altri nosocomi della provincia”.

LEGGI ANCHE: Citrobacter, la relazione evidenzia “Criticità organizzative quali probabili cause dell’evento”

TI POTREBBE INTERESSARE: Negano l’utilità della mascherina e si rifiutano di indossarla inveendo contro gli agenti, multati

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità