Povegliano Veronese

Durante la perquisizione il presunto spacciatore si scaglia contro gli agenti con un cacciavite

Il carabiniere ha subìto delle importanti lesioni alla mano.

Durante la perquisizione il presunto spacciatore si scaglia contro gli agenti con un cacciavite
Cronaca Villafranca, 13 Dicembre 2020 ore 13:02

Nella notte di sabato 12 dicembre 2020, i Carabinieri della Stazione di Castel d’Azzano hanno tratto in arresto un soggetto italiano (B.S., classe ’02) per i reati di “resistenza a Pubblico Ufficiale” e “lesioni personali aggravate”.

Le segnalazioni

A seguito di numerose segnalazioni pervenute da alcuni cittadini di Povegliano Veronese e riferite ad un probabile spaccio nel centro cittadino, i militari dell’Arma avevano organizzato nel corso della settimana appena trascorsa una serie di servizi, anche in abiti civili, finalizzati proprio al contrasto del traffico di stupefacenti. Proprio in tale contesto, i Carabinieri sono riusciti ad intervenire fermando tre acquirenti e trovando uno di essi in possesso di 18 dosi di marijuana, per un complessivo di oltre 20 grammi: per questa ragione, S.Y. (classe ’00) è stato denunciato a piede libero per “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti”. E’ quindi scattata la perquisizione nella sua abitazione e a casa del presunto spacciatore, i cui esiti sono stati negativi.

L’aggressione

Durante le fasi di questa operazione il giovane B.S., forse contrariato dall’attività posta in essere dai militari, si è improvvisamente scagliato contro uno di loro, aggredendolo con un cacciavite che aveva in casa. Il carabiniere ha subìto delle importanti lesioni alla mano, che sono state refertate dai medici del Pronto Soccorso di Verona Borgo Trento in 30 giorni di prognosi. Il ragazzo è stato dichiarato in stato di arresto e trattenuto nelle camere di sicurezza della Compagnia di Villafranca di Verona, in attesa del rito direttissimo avvenuto nella mattinata odierna. L’arresto è stato convalidato e l’avvocato del giovane ha richiesto i termini a difesa. Nel frattempo è stata comminata la misura cautelare dell’obbligo di firma giornaliero presso la p.g. operante.

LEGGI ANCHE:

Infrange il vetro della concessionaria con un posacenere in ferro e scappa con la refurtiva

TI POTREBBE INTERESSARE:

Rubano nei negozi dell’Adigeo e nascondono la merce negli armadietti: fermati in tre

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità