Cronaca
Brenzone sul Garda

Estorsione e atti intimidatori contro la madre, arrestato 30enne

L'uomo era stato a Nogara in custodia presso la R.E.M.S.

Estorsione e atti intimidatori contro la madre, arrestato 30enne
Cronaca Garda, 13 Marzo 2020 ore 18:18

Estorsione e atti intimidatori, arrestato dai  Carabinieri della Stazione di Malcesine

Estorsione e atti intimidatori contro la madre, arrestato 30enne

Un trentenne pregiudicato di origini marocchine, ma da tempo residente in Italia, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione di Malcesine per estorsione ed atti intimidatori nei confronti della propria madre.
La donna Y.Z., sessantaquattrenne, residente a Brenzone sul Garda dove lavora come badante, si era rivolta ai Carabinieri già nel mese di gennaio, segnalando che il figlio M.M. era rientrato dal Marocco più turbolento del solito. Il ragazzo in passato era stato, infatti, in custodia presso la R.E.M.S. (Residenza per l’Esecuzione delle Misure di Sicurezza) di Nogara ove vengono trattenuti gli autori di reato con problemi psichiatrici. In particolare la donna aveva cominciato a segnalare soprusi e minacce che il figlio le rivolgeva. Così, quando l’8 marzo, festa della donna, M.M. ha telefonato alla madre chiedendole oltre mille euro per l’acquisto di una vettura minacciandola di farla a pezzi in caso contrario, questa non ha più avuto dubbi ed ha formalmente sporto la denuncia ai Carabinieri di Malcesine. Il giorno successivo, poiché il ragazzo aveva reiterato la richiesta minacciando di presentarsi sul posto di lavoro della madre creandole difficoltà per farle perdere il posto di lavoro, la donna acconsentiva ad incontrarlo. I Carabinieri di Malcesine, però, hanno affiancato in borghese la donna per tutelarla da eventuali gesti violenti da parte del ragazzo. Durante l’incontro, tuttavia, la donna non ha ceduto alle pressioni del figlio e non ha consegnato il denaro richiesto, scatenando l’ira del figlio, che ha quindi minacciato di incendiarle la casa. La donna, a questo punto, prendeva tempo rimandando ad un altro incontro nel pomeriggio.

LEGGI ANCHE: Aventino Frau è morto, il lago di Garda perde una figura di spicco

LEGGI ANCHE: Soldati NATO a Veronella, è un complotto? No, il Defender Europe 20

Le minacce

In realtà, nel pomeriggio la donna si è recata a Brenzone dal proprio assistito per svolgere il suo lavoro di badante. Qui ha ricevuto ulteriori telefonate minatorie dal figlio, che ha provveduto a registrare, dove questi manifestava il proposito di raggiungerla e crearle problemi se non gli avesse dato i soldi o il suo bancomat. Allertati i Carabinieri, questi hanno raggiunto il posto di lavoro della vittima ed hanno effettuato un servizio di osservazione, a seguito del quale si poteva constatare che effettivamente M.M. giungeva sul posto e cominciava ad urlare ed inveire contro la madre. Improvvisamente, non avendo risposta dalla madre, il ragazzo ha afferrato una pietra da terra e la ha scagliata contro l’autovettura della famiglia dove la donna presta assistenza, per poi scappare. Inseguito dai Carabinieri in borghese, M.M. è stato raggiunto dopo pochi metri e tratto in arresto per i reati di tentata estorsione ed atti intimidatori. Dell’arresto è stato informato il PM di turno presso la Procura della Repubblica di Verona, Dott. Alberto Sergi, che ha disposto di associare M.M. alla Casa Circondariale di Verona Montorio in attesa dell’udienza di convalida. Il Giudice per le Indagini Preliminari, Dott. Marzio Bruno Guidorizzi, il 12 marzo 2020 ha convalidato l’arresto disponendo la custodia cautelare in carcere dell’indagato.

Torna alla home