Il paragone con il veleno

Manifesti choc contro l’aborto anche a Verona, Traguardi: “Subdola strumentalizzazione”

Verzè: "E' un diritto acquisito: facciamo in modo che venga esercitato in modo consapevole e in sicurezza".

Manifesti choc contro l’aborto anche a Verona, Traguardi: “Subdola strumentalizzazione”
Cronaca Verona Città, 09 Dicembre 2020 ore 09:58

La polemica anche nella città Scaligera.

Manifesti contro la pillola abortiva

Sono apparsi anche nel centro storico di Verona i manifesti choc dell’associazione “Provita e Famiglia“, che paragona la pillola abortiva RU486 a un veleno, attraverso l’immagine di una donna sdraiata a terra appena avvelenata da una mela che aveva morso. Dura la reazione di Traguardi,  Caterina Bortolaso, consigliere di seconda circoscrizione con delega alle pari opportunità ha affermato:

La RU 486 è un metodo abortivo considerato sicuro ed efficace dalla stessa Organizzazione Mondiale della Sanità, e ormai utilizzato nella quasi totalità dei paesi dell’UE e del mondo, si tratta peraltro di un metodo introdotto in Italia già nel 2009, il cui utilizzo è stato recentemente esteso dalle linee guida del Ministro della Salute, fino alla nona settimana di gestazione (in linea con gli altri paesi UE) e senza necessità di ricovero. Decisione che costituisce semplicemente un passo di civiltà in quanto non comporta i rischi legati alle complicazioni possibili dell’intervento chirurgico (rottura dell’utero, lacerazioni del collo dell’utero, emorragie ecc.). Parlare di veleno è semplicemente una subdola strumentalizzazione”.

Serve un sostegno concreto

Beatrice Verzè, vice presidente di Traguardi:

“Campagna sensazionalistica e colpevolizzante, sostenere le donne e essere dalla loro parte significa dare sostegno concreto attraverso nidi gratuiti, sostegno psicologico post partum, educazione sessuale nelle scuole e sistemi di maternità e paternità egualitari. Tutto il resto rimane esclusivamente nella sfera della libertà personale di scelta che la legge 194 ha a suo tempo finalmente concesso. E’ un diritto acquisito: facciamo in modo che venga esercitato in modo consapevole e in sicurezza”.

LEGGI ANCHE:

Andrea Croce e la sua dipendente presi a calci e pugni durante la chiusura del pub VIDEO

TI POTREBBE INTERESSARE:

Esondazione del Panaro: 40 volontari veronesi in soccorso a Nonantola

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità