Villafranza di Verona

Negazionista filma l’ingresso vuoto del Magalini ma i pazienti Covid in attesa non erano lì VIDEO

Una volta entrato è stato rimproverato da un’operatrice che gli ha ricordato che non può effettuare delle riprese all’interno dell’ospedale.

Villafranca, 03 Novembre 2020 ore 17:58

Un video che ha fatto il giro del web.

Il bisogno di dimostrare qualcosa

In questi giorni sui social e nel web sta girando un video che è stato registrato da un cittadino che, alle 10.17 di venerdì 30 ottobre 2020, ha deciso di recarsi al Magalini di Villafranca e nello specifico nella parte del Pronto Soccorso. Fin da subito, come si può sentire nel video, l’uomo rimarca il fatto che non ci sia nessun via vai di macchine o di ambulanze. Una volta entrato viene rimproverato da un’operatrice che gli ricorda che non può effettuare delle riprese all’interno dell’ospedale. Lui prosegue, inquadra le sedie vuote della sala d’attesa e poi esce esortando le persone ad andare a vedere la “reale situazione” all’interno degli ospedali.

Mancanza di rispetto

Tutto questo per poter dimostrare agli altri negazionisti che il Covid non esiste e che si tratta di una finzione. Un gesto, il suo, che invece denota una grande mancanza di rispetto nei confronti dei pazienti e di tutte quelle persone che soffrono. Sì, perché i pazienti Covid o sospetti tali, non vengono di certo lasciati tranquillamente nella sala d’attesa con le altre persone. I possibili pazienti Covid o confermati tali infatti vengono accolti in una zona protetta. Si ricorda che solo nella giornata di ieri, lunedì 2 novembre 2020, al Magalini di Villafranca erano presenti 73 pazienti Covid, di cui 15 in terapia intensiva.

LEGGI ANCHE: Pronto soccorso del Sacco deserto e ambulanze che girano a vuoto? Bufale negazioniste smentite

LEGGI ANCHE: All’ospedale Magalini di Villafranca arrivano due nuovi Primari

TI POTREBBE INTERESSARE: Il Magalini torna “Covid Hospital”, prevista la progressiva sospensione delle attività

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità