Cronaca
Interventi

Ospedale di Legnago: previsto l'adeguamento sismico e antincendio

L'analisi sismica ha evidenziato elementi portanti verticali che non soddisfano le verifiche a flessione

Ospedale di Legnago: previsto l'adeguamento sismico e antincendio
Cronaca Legnago e bassa, 18 Febbraio 2020 ore 16:07

Ospedale di Legnago, numerosi gli interventi in programma.

Ospedale di Legnago: previsto l'adeguamento sismico e antincendio

Durante la conferenza stampa che si è svolta oggi, martedì 18 febbraio 2020, sono stati esposti i diversi interventi che verranno eseguiti all'ospedale di Legnago per la sua riqualificazione. Secondo quanto emerso, tra i criteri vi sono i limiti economici, il voler mantenere quanto già ristrutturato, effettuare degli interventi di sola ristrutturazione per la necessaria riconversione funzionale, la realizzazione di un nuovo blocco chirurgico, la riqualificazione del fronte principale dell'ospedale e la riduzione degli spazi in uso compattando attività e servizi. Gli obiettivi prevedono un costo totale di 31.365.000 euro che prevedono 16.000.000 euro per la piastra sale operatorie, 1.800.000 euro per l'adeguamento sismico, 5.000.000 euro per l'adeguamento antincendio, 1.200.000 euro per la ristrutturazione del Day Surgery, 600.000 euro per l'Endoscopia Digestiva, 3.270.000 euro per la manutenzione straordinaria del Blocco Nord, 2.495.000 euro per la manutenzione straordinaria del Blocco Sud e infine una spesa di 1.000.000 euro per la riqualificazione dell'area dell'ingresso dell'ospedale Blocco Nord.

LEGGI ANCHE: Effettuava numerosi furti al parcheggio vicino al Bingo di Nogara, arrestato

LEGGI ANCHE: Furto con abbraccio, arrestata a Roma la donna che aveva colpito in Veneto

Adeguamento sismico

L'analisi sismica ha evidenziato numerosi elementi portanti verticali della struttura che non soddisfano le verifiche a flessione, che richiedono il rinforzo mediante placcaggio con materiali fibrorinforzanti (fibre di carbonio). Per quanto riguarda i giunti, nei punti evidenziati è previsto un intervento di ulizia e riapertura degli stessi, con inserimento in essi di materiale elastico che permetta il movimento indipendente dei diversi blocchi. Per i nodi che non soddisfano le verifiche a compressione e trazione si prevede il rinforzo mediante il materiale fibrorinforzanti. Per volumi a sbalzo presenti sul blocco operatorio va previsto un cambio di utilizzo.

Torna alla home