Sport
Verona

Chievo: oltre 500 candidature da tutta Italia per giocare nella nuova squadra

La nuova società è nata dopo l’eliminazione del Chievo dalla serie B.

Chievo: oltre 500 candidature da tutta Italia per giocare nella nuova squadra
Sport Verona Città, 17 Settembre 2021 ore 12:56

Il Chievo è pronto a tornare in campo con un nuovo nome. Si chiama FC Clivense la società fondata da Sergio Pellissier, storica bandiera della squadra della Diga,  ed Enzo Zanin, altro volto che ha scritto la storia societaria.

Chievo: oltre 500 candidature da tutta Italia

La nuova società è nata dopo l’esclusione del Chievo dalla serie B, nei giorni scorsi si sono svolti i provini che hanno visto la presenza di oltre 500 calciatori provenienti da tutta Italia. Il Football Club Clivense è stato fondato da Sergio Pellissier ed Enzo Zanin venerdì 13 agosto 2021, con sede in Via Leone Pancaldo 70 a Verona e la sua prima squadra è stata iscritta nel campionato di Terza Categoria Girone B con Atletico Squarà, Borgo San Pancrazio, Corbiolo, Crazy FC, Edera Veronetta, Pozzo Sq. B, San Zeno Verona 1919, Soave, V.R. Arena, Vestenanova, Virtus Verona United e Zai Golosine Calcio 2016.
Una collocazione "temporanea", almeno così si augurano in società. Lo stesso Pellissier non ha nascosto la volontà di iscrivere la squadra l'anno prossimo al campionato di Serie D, cosa non riuscita quest'anno per questioni di tempi.

LEGGI ANCHE: Chievo fa ricorso al Consiglio di Stato, intanto a Verona spunta l'annuncio funebre

Logo, marchio e campo da gioco

I colori sociali sono Bianco e Blu (Pantone 293C), che rimandano in qualche modo al biancoazzurro "originario" dell'Ond Chievo 1929, la squadra da cui nacque tutto quanto. Il marchio utilizza la bicromia bianco-blu, giocando su elementi vintage e geometrici atti a creare un nuovo valore identitario. La forma dello scudetto è filettata di giallo, il secondo colore della città di Verona assieme al blu, e contiene altri due elementi in amaranto recuperato dalla tavolozza storica che ricorda la cromia della diga, uno dei simboli del quartiere, e di un pallone da calcio retrò.

Per il primo anno FC Clivense ha scelto di giocare presso il campo Aldo Olivieri, impianto sportivo situato nella zona dello Stadio Bentegodi, in via Sogare. Costruito nel 1990, può ospitare fino 2.900 spettatori. L’impianto è dotato di 4 spogliatoi per le squadre, infermeria, sala antidoping, sala stampa, piccola palestra, bar, press room, vip room.

Cambio di denominazione

Inizialmente la nuova società di Sergio Pellissier doveva chiamarsi Fc Chievo 1929, mutata poi in Chievo 2021 ma, dopo il duro comunicato del Chievo Verona del presidente Luca Campedelli che ha diffidato nell’usare il marchio Chievo, Pellissier ha optato per FC Clivense. Attraverso un comunicato infatti il Chievo aveva spiegato:

“ChievoVerona s.r.l. comunica che continua le sue attività sportive con la partecipazione ai campionati calcistici del Settore Giovanile, come segno inequivocabile della continuità aziendale e sportiva, nella convinzione che le ragioni della società siano presto finalmente riconosciute.
Chievo Verona s.r.l. inoltre ricorda che ‘CHIEVO’ e ‘CHIEVO VERONA’ sono marchi registrati sia a livello nazionale che europeo, dei quali Chievo Verona s.r.l. è titolare esclusivo e che, pertanto, è vietato a chiunque fare qualsiasi uso di tali segni.
La violazione di tale divieto espone ad azione interdittiva ed al risarcimento del danno. Inoltre, sono imputabili di concorso in violazione del marchio tutti coloro che agevolano o consentono  lo sfruttamento dei segni ‘CHIEVO’ o ‘CHIEVO VERONA’ da parte di soggetti diversi da CHIEVO VERONA s.r.l., cioè vendere al pubblico beni o servizi (inclusa la organizzazione del giuoco del calcio) in relazione ai quali sia utilizzato il segno contraffatto, o che rivendono o commercializzano o lucrano provvigioni su beni o servizi contraffatti.  Si precisa che l’aggiunta di un numero (o di altri elementi non distintivi) al segno ‘CHIEVO’, ovvero l’uso di ‘CHIEVO’ nell’ambito di un segno complesso, non esclude in alcun modo la violazione.”