Menu
Cerca
"Inspiegabile"

Gardaland vuole riaprire: “I parchi di divertimento non sono più pericolosi delle palestre al chiuso”

Secondo la road-map, Gardaland (insieme agli altri parchi e agli stabilimenti termali) potrà aprire solamente dal 1 luglio.

Gardaland vuole riaprire: “I parchi di divertimento non sono più pericolosi delle palestre al chiuso”
Attualità Garda, 22 Aprile 2021 ore 15:00

Non manca il malcontento sulla road map delle riaperture e Gardaland non ci sta, puntualizzando come i parchi divertimento vengano definiti come più pericolosi rispetto ai cinema o alle palestre che sono al chiuso.

Polemica sulle riaperture

Il Decreto Covid sarà valido fino al 31 luglio 2021 e contiene una chiara road map delle riaperture a partire da lunedì 26 aprile 2021 tra cinema, teatri e concerti ma, per i parchi di divertimento, bisognerà aspettare fino al 1 luglio.

Oltre alla conferma del coprifuoco alle 22, sono proprio le riaperture che stanno creando malcontento perché con il ripristino delle zone gialle i di divertimento dovranno attendere ancora molto prima di poter accogliere gli ospiti.

Gardaland: “Inspiegabile”

A fronte della pubblicazione della road map, l’Amministratore Delegato di Gardaland, Aldo Maria Vigevani ha dichiarato:

“In attesa dell’ufficializzazione con il prossimo DPCM, non ci spieghiamo per quale motivo i Parchi Divertimento, che svolgono la propria attività quasi esclusivamente all’aperto, vengano associati, in termini di data di ri-apertura, alle fiere e ai congressi che si svolgono indoor. Addirittura, se venisse mantenuta questa scadenza per le riaperture, i Parchi verrebbero ritenuti più pericolosi delle palestre o dei cinema che sono al chiuso! Tale logica sarebbe esattamente contraria alla situazione internazionale – vedi Inghilterra e USA – dove i parchi, appunto all’aperto, sono tra le prime attività a riprendere”.

LEGGI ANCHE: Gardaland novità 2021: Legoland Water Park pronto all’inaugurazione ma non solo

Robusto protocollo di sicurezza

Vigevani ha poi ricordato:

Lo scorso anno Gardaland ha inaugurato la stagione addirittura il 13 giugno e grazie ad un robusto ed efficace Protocollo di Sicurezza non è stato registrato nessun contagio tra i suoi ospiti, i quali hanno confermato l’efficacia delle misure a più riprese attraverso migliaia di interviste online. Gardaland – con oltre 1.500 dipendenti diretti e 10.000 occupati nelle aziende dell’indotto del Lago di Garda – rappresenta una colonna portante dell’economia italiana”.

Online anche una petizione

Su Change.org è stata lanciata anche una raccolta firme dal titolo: “Riapriamo i parchi tematici al più presto

Ecco cosa dicono i promotori:

“I parchi divertimento non hanno nulla a che fare con attività fieristiche varie, si tratta di strutture fisse con presidi di sicurezza anti contagio estremamente rigidi, i quali, hanno permesso durante la stagione 2020, di avere zero contagi all’interno dei vari suddetti nel nostro Paese; nei parchi divertimento la gestione anti contagio non è in alcun modo diversa da quella messa in atto da musei e altre strutture all’aperto, anzi, spesso ne si identificano di ancor più precise.

Proprio per questo motivo non vediamo il motivo di permettere l’apertura di strutture oggettivamente più rischiose come piscine e stadi ben più di un mese prima dei parchi divertimento, si tiene a precisare inoltre come molte attività circostanti ai parchi stessi guadagnano e lavorano molto grazie ad essi, tanto da aprire in loro corrispondenza ogni anno, nel settore dei parchi divertimento lavorano decine di migliaia di persone ogni anno e si hanno fatturati di centinaia di milioni”.

Si propone di arrivare a quota 5mila ed è già arrivata quasi alla soglia: SE VUOI FIRMARE LA PETIZIONE, CLICCA QUI