Cronaca
Secondo caso

Nuovo focolaio di influenza aviaria in un allevamento di Ronco all’Adige

I due focolai sono stati presto individuati e isolati dai servizi veterinari dell’Ulss 9.

Nuovo focolaio di influenza aviaria in un allevamento di Ronco all’Adige
Cronaca Legnago e bassa, 26 Ottobre 2021 ore 15:39

Secondo caso di focolaio di aviaria in un allevamento di Ronco all’Adige.

Nuovo focolaio di influenza aviaria

A distanza di nemmeno una settimana è stato registrato un nuovo focolaio di aviaria in un allevamento di Ronco all’Adige composto da 11mila tacchini da carne. A renderlo noto sono state le due consigliere PD in commissione Sanità a Palazzo Ferro Fini, Anna Maria Bigon e Francesca Zottis che hanno spiegato:

“La comparsa di un nuovo focolaio di aviaria in un allevamento di Ronco all’Adige da 11mila tacchini da carne, a pochi giorni e a breve distanza dal primo, in una struttura che ne conteneva 13mila, fa aumentare la preoccupazione. Sia per la contagiosità del virus, sia perché in questa provincia si concentra il 50% della produzione avicola veneta. I due focolai sono stati presto individuati e isolati dai servizi veterinari dell’Ulss 9, ma servono maggiori controlli, possibili solo rafforzando le attività di prevenzione. Le limitazioni alle attività avicole fissate dalla Regione, da sole, non bastano”.

LEGGI ANCHE: Focolaio di influenza aviaria in un allevamento di tacchini a Ronco all’Adige

Intensificare le misure di prevenzione

Anna Maria Bigon e Francesca Zottis hanno poi proseguito:

“Da oltre un anno l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, ha invitato gli Stati dell’Ue a intensificare le misure di prevenzione in seguito alla scoperta di alcuni focolai altamente patogeni, mentre il ministro della Salute ha raccomandato alle Regioni la tempestiva adozione di adeguate misure di biosicurezza e di rafforzamento delle attività di individuazione precoce dei virus ad alta patogenicità e rigorosi controlli sulla loro applicazione. L’influenza aviaria già nel recente passato ha messo in ginocchio il comparto avicolo veneto con danni economici ingentissimi; ricordiamo inoltre che si tratta di una zoonosi, cioè una infezione che può compiere il salto di specie ed essere trasmessa anche all’uomo. In questo contesto di grande allerta è stato chiesto ai Servizi veterinari della Regione Veneto di gestire le operazioni dirette negli allevamenti interessati e di intensificare i controlli per il monitoraggio delle specie sensibili applicando strette misure di sorveglianza per lo spostamento di animali”.

E qui sorgono le perplessità legate agli organici:

“La domanda è se i Servizi veterinari potranno affrontare con appropriatezza la gestione delle attività collegate ai nuovi focolai di influenza aviaria con organici che sono da tempo sottodimensionati, in uno scenario costituito da un notevole numero di pensionamenti entro pochi mesi, per i quali non vi è ancora un piano adeguato di sostituzione mediante affiancamento, come denunciato anche dal Sivemp. Le diverse Aree di Prevenzione della Regione stanno aspettando, da tempo, che vengano fatti i concorsi e le selezioni per coprire le numerose posizioni vacanti, anche dirigenziali. C’è bisogno di personale competente, di un’organizzazione stabile con incarichi definiti e di una catena di comando autorevole per poter fronteggiare le minacce epidemiche, tutelare il valore economico delle produzioni, assicurare la sicurezza alimentare e difendere il patrimonio di salute umana, animale e ambientale”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter