Verona

Citrobacter Borgo Trento: il batterio killer annidato in un rubinetto

Come causa si ipotizza la scarsa igiene all'interno del reparto.

Citrobacter Borgo Trento: il batterio killer annidato in un rubinetto
Verona Città, 01 Settembre 2020 ore 13:07

L’esito di una delle due relazioni delle commissioni nominate dalla Regione Veneto.

Trovato in un rubinetto

Secondo quanto emerge dalla relazione di una delle due commissioni che sono state nominate direttamente dalla Regione Veneto per indagare sulla diffusione del Citrobacter, sembra che il batterio killer si sia annidato all’interno di un rubinetto dell’acqua. Secondo le indiscrezioni quindi, il rubinetto che veniva regolarmente utilizzato dal personale che lavorava nella Terapia Intensiva all’interno dell’Ospedale della Donna e del Bambino di Borgo Trento, “custodiva” al suo interno il batterio killer.

Poco igiene

Dalla relazione della commissione emerge che il batterio killer avrebbe colonizzato il rubinetto a causa di una presunta scarsa igiene all’interno del reparto di Terapia Intensiva.

Oggi la riapertura

L’Ospedale della Donna e del Bambino di Borgo Trento è stato ufficialmente riaperto oggi, martedì 1 settembre 2020 ed era stato chiuso il 12 giugno per poter permettere la sanificazione degli ambienti. Il Citrobacter dal 2018, anno in cui si è verificato il primo caso, avrebbe infettato 96 neonati, tra cui 9 gravemente lesionati e 4 deceduti, l’ultima, la piccola Alice.

LEGGI ANCHE: Inizierà a Borgo Roma la sperimentazione del vaccino anti Covid

TI POTREBBE INTERESSARE: Rientri viaggiatori: oltre 7mila tamponi da Ferragosto, nessun nuovo positivo

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità